La televisione svizzera per l’Italia

Brienz nei Grigioni potrebbe scomparire tra poche settimane

Il villaggio visto dall alto.
Tutto fa pensare che la parte di montagna sopra il paesino di Brienz/Brinzauls possa staccarsi fra poco tempo. © Keystone / Gian Ehrenzeller

L'area nei pressi del villaggio grigionese di Brienz/Brinzauls è minacciata da una frana da tempo. Ora però la situazione geologica è peggiorata. Gli esperti prevedono che il distacco di una massa rocciosa di un volume che potrebbe raggiungere i due milioni di metri cubi interverrà in un periodo compreso tra le due e le sei settimane.

I residenti, un centinaio di persone, devono completare i preparativi in vista dell’evacuazione del villaggio “il più rapidamente possibile”, annuncia oggi il Comune di Albula/Alvra.

Altri sviluppi

Lo stato maggiore di condotta del Comune, di cui Brienz/Brinzauls è una frazione, ha attivato la “fase gialla”. Secondo gli esperti, lo scivolamento dell’area denominata Insel ha continuato ad accelerare. La velocità della frana “è ormai così elevata in tutti i punti di misurazione” che, stando ai calcoli, un crollo va previsto entro due-sei settimane.

Quando scatterà la “fase arancione”, l’evacuazione sarà avviata “immediatamente” e “rimarranno solo tre giorni per lasciare il villaggio”, si legge in un comunicato.

Contenuto esterno

Modalità della frana difficili da prevedere

Le modalità del distacco della roccia sono difficili da prevedere. La cosa più probabile è che si verifichino numerose frane (da poche migliaia a diverse centinaia di migliaia di metri cubi). Abbastanza plausibile appare anche uno scivolamento lento, analogo a una colata detritica, che può raggiungere e danneggiare il villaggio. Uno scoscendimento di grandi dimensioni, veloce e di vasta portata (di oltre 500’000 metri cubi) è molto meno probabile, ma non può essere escluso.

Il momento in cui si verificherà l’evento può essere previsto con maggiore precisione solo all’avvicinarsi dello stacco della roccia. Lo stesso vale per i volumi di roccia che cadranno a valle. Solo tre settimane fa, gli esperti si aspettavano un evento tra l’inizio dell’estate e la fine dell’anno.

Quattro fasi prima dell’evento

L’informazione odierna coincide con il passaggio dalla “fase verde” – in cui per l’abitato non sussiste un pericolo immediato – a quella “gialla”, caratterizzata in particolare dall’obbligo per la popolazione di preparare celermente i preparativi in vista di uno sfollamento.

La “fase arancione” prevede che lo stato maggiore di condotta annunci immediatamente l'”evacuazione ordinata” del villaggio. Verrà organizzata una riunione pubblica. Il villaggio deve essere sfollato entro tre giorni. Anche gli animali domestici e il bestiame devono essere allontanati. Le strade di accesso alla località saranno chiuse.

L’attivazione della “fase rossa” significa che è imminente un “evento potenzialmente pericoloso per il villaggio”, entro quattro-dieci giorni. Verrà imposto un divieto assoluto di accesso all’area evacuata. La linea dell’Albula della Ferrovia retica e la strada cantonale Tiefencastel-Lenzerheide saranno chiuse.

Attualità

Agenti della polizia federale.

Altri sviluppi

Colpo alla mafia turca, perquisizioni anche in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Perquisizioni nel Canton Argovia e a Zurigo nell'ambito della vasta indagine condotta dalla Procura di Milano contro l'organizzazione di Baris Boyun, il boss turco che soggiornava spesso in Svizzera.

Di più Colpo alla mafia turca, perquisizioni anche in Svizzera
Un treno all'interno della galleria del Lötschberg.

Altri sviluppi

Lavoratori intossicati nella galleria del Lötschberg

Questo contenuto è stato pubblicato al Perdita di una sostanza chimica da un vagone in transito, lievi difficoltà respiratorie per cinque persone all'interno del tunnel. Il traffico ferroviario è stato nel frattempo ripristinato.

Di più Lavoratori intossicati nella galleria del Lötschberg
Klaus Schwab durante l'ultimo WEF.

Altri sviluppi

Klaus Schwab lascia la presidenza esecutiva del WEF di Davos

Questo contenuto è stato pubblicato al Klaus Schwab, fondatore del Forum economico mondiale di Davos (WEF) lascia la sua carica di presidente esecutivo. L'86enne lo ha annunciato martedì in una mail allo staff.

Di più Klaus Schwab lascia la presidenza esecutiva del WEF di Davos
Il monte Fuji e in primo piano il supermercato della catena nipponica.

Altri sviluppi

Il Monte Fuji e la lotta al turismo giornaliero

Questo contenuto è stato pubblicato al Una cittadina presa d'assalto per la sua vista sul Monte Fuji non ha optato per una tassa ma a pensato a qualcosa di parecchio diverso.

Di più Il Monte Fuji e la lotta al turismo giornaliero
Un'immagine virtuale di un robot.

Altri sviluppi

Dall’UE la prima legge al mondo che regola l’intelligenza artificiale

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Consiglio dell'Unione europea ha dato il via libera all'AI Act, ovvero alla legge europea sull'intelligenza artificiale che disciplina lo sviluppo, l'immissione sul mercato e l'uso dei sistemi di intelligenza artificiale nell'UE

Di più Dall’UE la prima legge al mondo che regola l’intelligenza artificiale
L'aula della CEDU.

Altri sviluppi

La Commissione degli affari giuridici critica la decisione della CEDU

Questo contenuto è stato pubblicato al Per la Commissione degli affari giuridici del Consiglio degli Stati, non vi è motivo di dare seguito alla sentenza della Corte europea dei diritti dell'Uomo contro la Svizzera per violazione dei diritti umani in ambito ambientale.

Di più La Commissione degli affari giuridici critica la decisione della CEDU
L'etichetta colorata di Nutri-Score.

Altri sviluppi

Migros rinuncia alle etichette Nutri-Score

Questo contenuto è stato pubblicato al La decisione del numero uno svizzero del commercio al dettaglio è stata fortemente criticata dalla Fondazione per la protezione dei consumatori.

Di più Migros rinuncia alle etichette Nutri-Score
Il premier Benjamin Netanyahu (sinistra) e il ministro della difesa Yoav Gallant.

Altri sviluppi

Gaza, Israele rigetta le accuse dell’Aia

Questo contenuto è stato pubblicato al Tutti i partiti israeliani difendono il premier Netanyahu e il ministro della difesa Gallant, accusati di crimini di guerra e contro l’umanità dal procuratore capo della Corte penale internazionale dell'Aia.

Di più Gaza, Israele rigetta le accuse dell’Aia

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR