Navigation

Bilancio in chiaroscuro a un anno dal congedo paternità

Il congedo paternità, sebbene in vigore da un solo anno, è poco conosciuto dai padri. © Keystone / Gaetan Bally

A un anno esatto dal voto e nove mesi dall'entrata in vigore in Svizzera del congedo paternità di due settimane, due terzi dei lavoratori beneficiano solo del minimo legale di dieci giorni e le condizioni variano molto da un settore all'altro.

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 settembre 2021 - 15:52
tvsvizzera.it/fra

È questo il bilancio stilato giovedì, in conferenza stampa da Travail.Suisse, che invita i datori di lavoro a informare i dipendenti di questo loro diritto. "Non si tiene sufficientemente conto dei bisogni dei giovani salariati", secondo Thomas Bauer, responsabile della politica sociale in seno al sindacato.

Stando ai risultati di un sondaggio, al 19% dei neo-padri è concesso assentarsi dagli 11 ai 19 giorni, al 16% anche di più. Attività commerciali, artigianali, sanità e amministrazioni cantonali si rivelano più restrittive, mentre le Città e le imprese informatiche e farmaceutiche sono le più generose.

Travail.Suisse ricorda inoltre di aver presentato in aprile un parere di diritto "senza ambiguità", stando al quale il nuovo congedo va sommato alle disposizioni già previste dal contratti collettivi.

Contenuto esterno

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.