Navigation

Bambini-schiavi, testimonianze di infanzia negata

Le storie di due vittime dei collocamenti coatti a San Gallo ora che la politica cerca di compensare le vittime

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 aprile 2016 - 22:57

Fu una delle pagine più scure della storia svizzera. Bimbi strappati fino agli anni ‘70 alle madri e chiusi in orfanotrofi o affidati a famiglie che li hanno trattati come servi solo perché di origini umili o provenienti da contesti emarginati. La storia di due di loro, ora che il Consilio Nazionale ha stanziato 300 milioni per risarcire i sopravvissuti, nel servizio da San Gallo di Davide Paggi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.