Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Astronomia Il Nobel della fisica a due svizzeri

Michel Mayor e Didier Queloz sono stati premiati per i loro lavori in astronomia e in particolare la scoperta dei primi pianeti esterni al sistema solare. Ricompensato anche il ricercatore canadese James Peebles.

Didier Queloz e Michel Mayor

Dopo 24 anni dalla scoperta del primo esopianeta, Didier Queloz (a sinistra) e Michel Mayor premiati con il Nobel della fisica.

(Keystone / Laurent Gillieron)

Grazie alle loro scoperte, Mayor, Queloz e Peebles hanno "trasformato le nostre idee sul cosmo", sottolinea l'Accademia svedese delle scienze.

Nel 1995, i due astrofisici svizzeri sono stati i primi a scoprire un esopianeta, ovvero un pianeta che non appartiene al sistema solare e orbita attorno a una stella diversa dal sole. Il 51 Pegasi b, in orbita attorno alla stella 51 Pegasi, nella costellazione di Pegaso, è stato il primo di una lunga serie di esopianeti scoperti da due scienziati elvetici.

Oggi se ne contano più di 4'000, 'trovati' grazie ai telescopi terrestri e soprattutto spaziali, come Hubble, Kepler e Tess. Molti di questi pianeti sono dei giganti gassosi, come 51 Pegasi B, ma se ne stanno scoprendo sempre di più di rocciosi simili alla Terra.

(2)

NObel per la fisica a due svizzeri

Nato nel 1942, Michel Mayor è oggi professore onorario all'Università di Ginevra, mentre Didier Queloz (classe 1966) è professore all'Osservatorio dello stesso ateneo e all'Università di Cambridge.

Gli astronomi svizzeri hanno anche contribuito allo sviluppo degli strumenti per reperire i corpi celesti, in particolare lo spettrografo HARPS.

In un comunicatoLink esterno diffuso dall'Università di Ginevra, Michel Mayor rammenta che nel 1995 "nessuno sapeva con esattezza se gli esopianeti esistessero o meno. Astronomi prestigiosi li cercavano da anni… invano!".

"È stata la scoperta più emozionante della nostra carriera ed è semplicemente straordinario che sia stata ricompensata con un Nobel", afferma dal canto suo Didier Queloz.

In questo video, l'astronomo svizzero ripercorre la scoperta del primo esopianeta:

Trovato nello spazio C'è vita altrove?

Due svizzeri 25 anni fa scoprivano il primo pianeta extrasolare. Un passo storico nella ricerca astronomica. A che punto si è ora?

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 gennaio 2019 21.00

Qui il commento di Roberto TrottaLink esterno, astrofisico svizzero che insegna all'Imperial College di Londra:

(3)

Il commento dell'astrofisico Roberto Trotta, ticinese professore all'Imperial College di Londra

L'enigma della materia oscura

Il terzo laureato, il canadese James Peebles, è invece stato ricompensato per i suoi lavori sull'evoluzione dell'universo all'epoca del Big Bang, che hanno permesso di avere un'immagine nuova, nella quale l'universo non era fatto soltanto di stelle, galassie e pianeti.

La materia visibile, anzi, lo occuperebbe solo per una minima parte, pari al 5%, e il restante 95% sarebbe costituita dalla materia oscura, fatta di particelle invisibili e finora mai viste, e dall'energia oscura, anche questa dalla natura misteriosa. 

Fare luce su questi aspetti è la grande scommessa della fisica contemporanea, sulla quale stanno indagando centinaia di ricercatori in tutto il mondo e grandi progetti, come quelli condotti dal più grande acceleratore del mondo, il Large Hadron Collider (Lhc) del Cern di Ginevra.

tvsvizzera.it/mar/ats con RSI (TG dell'8.10.2019)

Parole chiave

Horizontal line TVS

Horizontale Linie


subscription form

Inscrivez-vous à notre newsletter gratuite et recevez nos meilleurs articles dans votre boîte mail.

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.







Neuer Inhalt

Facebook Like-Box