Navigation

Armi, a rischio le forniture elvetiche nel Golfo

Una mozione vuole impedire la vendita di materiale bellico per 178 milioni

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 ottobre 2016 - 21:28

Nel marzo dell'anno scorso il governo federale ha posto dei limiti molto restrittivi all'esportazione di materiale bellico verso paesi del Golfo coinvolti nel conflitto yemenita. Ma una mozione pendente in parlamento chiede ora la revoca delle autorizzazioni alla fornitura di armi per complessi 178 milioni di franchi rilasciate in aprile da Berna.

La questione è particolarmente delicata poiché i paesi arabi costituiscono una quota rilevante delle esportazioni di armamenti prodotti nella Confederazione. In ballo ci sono i 15'000 posti di lavoro nell'industria bellica elvetica e un'eventuale revoca delle licenze finirebbe solo per avvantaggiare i concorrenti europei, si osserva da parte degli imprenditori.

È anche vero che con l'estendersi del conflitto in Yemen aumenta il rischio che armi made in Switzerland vengano impiegate sul teatro di guerra. Per non parlare delle armi fornite in modo più o meno occulto proprio da quei paesi, di tradizione sunnita, ai terroristi dell'Isis e al Qaida in Iraq e Siria. Un'eventualità questa che va evidentemente scongiurata.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.