Navigation

Armi pure a paesi in guerra

E' però materiale che non può essere usato nel conflitto in corso, sostiene il Governo

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 aprile 2016 - 20:54

Il Consiglio federale ha autorizzato esportazioni di armi per 178 milioni di franchi in diversi paesi implicati nella guerra in corso nello Yemen. L'Arabia Saudita, in particolare, riceverà pezzi di ricambio per il suo sistema di difesa antiaerea e munizioni per 106 milioni.

Si tratta però di materiale che, a detta dell'Esecutivo, non c'è ragione di supporre che possa essere usato in quel conflitto.

Le domande esaminate erano più di 50 e concernevano anche forniture a Bahrein, Egitto, Emirati Arabi Uniti, Giordania, Kuwait, Libano e Qatar. La valutazione "s'è svolta nel rispetto dei principi di politica estera e in considerazione del rischio di una sostanziale riduzione delle capacità industriali in alcuni settori rilevanti per la difesa del paese", precisa il Governo.

ATS/dg

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.