Navigation

Alptransit, com'é cambiato il paesaggio

Viaggio tra le trasformazioni che il tunnel più lungo al mondo ha portato con sé

Questo contenuto è stato pubblicato il 17 maggio 2016 - 20:11

C'è una galleria ferroviaria da record di cui tutti parlano. Un luogo della velocità. Un luogo ancora invisibile nel cuore della montagna che sarà noto al mondo il giorno dell'inaugurazione il prossimo 1° giugno.

E poi c'è il mondo esterno, cambiato proprio a causa della costruzione della galleria di Base del San Gottardo. Da Flüelen a Biasca, passando per Sedrun e attraversando quindi i Cantoni di Uri, Grigioni e Ticino, il paesaggio non è più quello di 20 anni fa.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.