La televisione svizzera per l’Italia

Al Bürgenstock arriveranno rappresentanti di 90 Paesi

Sala congressi grande del bürgenstock
Al Bürgenstock è tutto pronto per accogliere la Conferenza. Keystone / Urs Flueeler

Sono 90 gli Stati che hanno annunciato la loro partecipazione alla conferenza di pace sull'Ucraina sul Bürgenstock il prossimo fine settimana. Lo ha dichiarato lunedì la presidente della Confederazione Viola Amherd. 

“L’iniziativa della Svizzera è apprezzata”: con queste parole la presidente della Confederazione esprime la sua soddisfazione per la confermata partecipazione di 90 Paesi alla conferenza di pace che si terrà al Bürgenstock (canton Nidvaldo) il prossimo finesettimana. Metà delle delegazioni che hanno confermato la loro presenza provengono dall’Europa e dall’America del Nord, l’altra metà da altri continenti, ha dichiarato la consigliera federale responsabile del Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS) durante una conferenza stampa tenutasi lunedì a Berna. 

Contenuto esterno

L’obiettivo è quello di elaborare una tabella di marcia comune su come entrambe le parti in guerra possano essere coinvolte in un futuro processo di pace. Numerosi i temi che verranno affrontati. Tra questi Viola Amherd ha elencato la sicurezza nucleare, quella alimentare e i progetti umanitari. Secondo la ministra della difesa, le misure di protezione sono sulla buona strada e il Bürgenstock è un “luogo ideale per garantire la sicurezza”. 

Cassis: “Osiamo parlare di pace” 

Dal canto suo, il capo del Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) Ignazio Cassis ha asserito che il conflitto ha ripercussioni globali. La Svizzera, con la sua tradizione di mediatrice, non poteva semplicemente aspettare e il conflitto alle porte dell’Europa infuria già da quasi due anni e mezzoi. “Osiamo parlare di pace”, ha aggiunto. 

Il ministro degli esteri ha ricordato l’importanza di considerare come la Russia possa essere coinvolta nel processo al centro del vertice nel canton Nidvaldo. “Ci siamo sempre dimostrati aperti a estendere l’invito Mosca”, ha proseguito Cassis, aggiungendo che, tuttavia, questa ha sempre affermato di non essere interessata alla conferenza. 

Questo mancato invito è dovuto alla combinazione di due elementi, stando al consigliere federale ticinese. “Da un lato, il chiaro rifiuto” da parte del Paese “ancor prima dell’invio degli inviti e, dall’altro, l’Ucraina, che non è ancora pronta a trovarsi in presenza della Russia”. Cassis ha dichiarato che continuerà a lottare per la partecipazione del Cremlino fino alla vigilia della conferenza, anche se non è un’ipotesi realistica. 

“Dovremo fare un altro tentativo in seguito, forse per una seconda conferenza in un altro Paese”, ha detto. Tutti i partecipanti concordano sul fatto che la nazione governata da Vladimir Putin dovrà essere coinvolta prima o poi per avviare un processo di pace, ma non si sa ancora quando. “Le opinioni divergono”, ha dichiarato il consigliere federale, prima di aggiungere che esiste già una bozza di dichiarazione finale per la Conferenza di Bürgenstock ed è in corso “un’intensa consultazione”. 

Aumentano i cyberattacchi 

Nelle ultime settimane, oltre a una campagna di disinformazione da parte di Mosca e di discredito della Svizzera come Paese adatto a ospitare la conferenza, sono aumentati i cyberattacchi per tentare di sabotare l’incontro, ha detto Cassis.  

Altri sviluppi

Un totale di 4’000 militari sarà disponibile per sostenere le forze di sicurezza del canton Nidvaldo e la polizia federale. “Siamo pronti”, ha dichiarato Stephan Grieder, comandante della polizia cantonale. Le restrizioni all’accesso del pubblico sono inevitabili, ma egli ritiene che siano “proporzionate” all’importanza dell’incontro. La cooperazione tra la polizia, l’esercito e la polizia federale “ha funzionato bene fin dal primo giorno”, ha sottolineato con soddisfazione Karin Kayser-Frutschi, membro del Governo cantonale nidvaldese. Lo stesso vale per l’esercito: “Siamo addestrati per questo tipo di missione”, ha detto il comandante della Divisione territoriale 2, il maggiore Daniel Keller.  

Contenuto esterno

Una settimana “cruciale” per l’Ucraina 

“Questa settimana è cruciale per la posizione internazionale dell’Ucraina”, ha scritto su X il presidente ucraino Volodymyr Zelensky. “La diplomazia dev’essere sempre supportata da una forza effettiva. Pertanto, dobbiamo resistere a qualsiasi attacco e provocazione russa in prima linea e nelle zone di confine. Dobbiamo infliggere agli occupanti perdite che ci avvicinino alla vittoria ucraina a tutti i livelli”. 

Contenuto esterno

Zelensky sarà presente di persona il 15 e 16 giugno al Bürgenstock. È annunciata la sua partecipazione anche al vertice del G7 che si terrà in Puglia dal 13 al 15 giugno. 

Attualità

Una delle frequenti code al San Gottardo.

Altri sviluppi

Conducenti sempre più in coda sulle strade svizzere

Questo contenuto è stato pubblicato al I dati pubblicati nel Rapporto sulla viabilità 2023 indicano che la rete stradale elvetica è prossima alla saturazione. Situazione critica soprattutto nell'agglomerato di Zurigo e a sud delle Alpi.

Di più Conducenti sempre più in coda sulle strade svizzere
donna

Altri sviluppi

La Svizzera rappresenterà il Messico in Ecuador

Questo contenuto è stato pubblicato al In seguito alla rottura delle relazioni tra i due Paesi dell'America latina, assumerà la rappresentanza diplomatica del Messico a Quito.

Di più La Svizzera rappresenterà il Messico in Ecuador
bambina su un letto

Altri sviluppi

Casi di morbillo in aumento in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Dall'inizio dell'anno nella Confederazione sono stati registrati 87 casi di morbillo, rispetto ai 26 nello stesso arco di tempo del 2023.

Di più Casi di morbillo in aumento in Svizzera
giornali

Altri sviluppi

Un’overdose di notizie e gli svizzeri se ne allontanano

Questo contenuto è stato pubblicato al La popolazione svizzera consuma sempre meno notizia, sia in formato digitale sia cartaceo: il 36% rinuncia a volte o spesso a leggere l'attualità.

Di più Un’overdose di notizie e gli svizzeri se ne allontanano
Benjamin Netanyahu

Altri sviluppi

Sciolto il Gabinetto di guerra in Israele

Questo contenuto è stato pubblicato al La decisione era attesa dopo le recenti dimissioni di Benny Gantz e Gadi Eisenkot. Secondo indiscrezioni, Benjamin Netanyahu continuerà a tenere riunioni limitate a scopo di "consultazione".

Di più Sciolto il Gabinetto di guerra in Israele
Gruppo di lavoratori in un atelier professionale.

Altri sviluppi

Triplicate le persone disabili inserite in programmi di reinserimento professionale

Questo contenuto è stato pubblicato al Le riforme cui è stata sottoposta l'Assicurazione invalidità negli ultimi 15 anni hanno consentito a un numero crescente di persone di beneficiare dei provvedimenti d'integrazione e di reinserirsi nel mondo del lavoro.

Di più Triplicate le persone disabili inserite in programmi di reinserimento professionale
Un plastico del futuro stadio del Milan.

Altri sviluppi

Il Milan e il nuovo stadio, i cittadini e i cistercensi

Questo contenuto è stato pubblicato al Il possibile nuovo stadio del Milan fa discutere molto nella metropoli lombarda, anche perché dovrebbe sorgere a poche centinaia di metri da un’abbazia, dove i monaci vivono tutt’ora.

Di più Il Milan e il nuovo stadio, i cittadini e i cistercensi
Il complesso immobiliare in corso di realizzazione a Leutschenbach (Zurigo).

Altri sviluppi

Il miraggio dell’alloggio in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al La ricerca di un appartamento, a prezzi accessibili, è diventata un'impresa titanica, Emblematico il caso di Zurigo.

Di più Il miraggio dell’alloggio in Svizzera
Partecipanti al Pride di Zurigo.

Altri sviluppi

In ventimila al Pride di Zurigo

Questo contenuto è stato pubblicato al "Libero sotto ogni aspetto - da 30 anni". Sotto questo motto si è tenuto oggi con la partecipazione di 20'000 persone il Pride di Zurigo.

Di più In ventimila al Pride di Zurigo

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR