La televisione svizzera per l’Italia

Accessibilità ancora lontana per i disabili sui trasporti pubblici

persona in sedie a rotelle sale su un tram
In Svizzera c'è ancora molta strada da fare per rendere i trasporti pubblici accessibili a tutti. © Keystone / Gaetan Bally

In teoria i trasporti pubblici in Svizzera hanno tempo sino alla fine del 2023 per diventare accessibili senza barriere alle persone con disabilità. Ma all'avvicinarsi della scadenza prevista dalla legge, solo tre stazioni su cinque e un terzo delle fermate di autobus e tram sono state adattate.

Nonostante alcuni progressi, le aziende di trasporto pubblico, i cantoni, le città e i comuni non sono pronti “a causa della complessità e della portata del compito”, hanno sottolineato venerdì a Berna le loro organizzazioni di categoria. La legge federale per le pari opportunità dei disabili (LDis) è entrata in vigore il 1° gennaio del 2004.

Per quanto riguarda autobus e tram, solo un terzo delle oltre 23’000 fermate in Svizzera sarà conforme entro la fine del 2023. Verrà pertanto data priorità alle fermate molto frequentate o vicine a ospedali o abitazioni. Anche i finanziamenti sono importanti, soprattutto quando dipendono da una votazione.

Adattamenti solo in determinate condizioni

A volte adattamenti sono possibili solo in determinate condizioni topografiche. Nelle città densamente edificate, la mancanza di spazio è un problema. La sicurezza del traffico, l’accessibilità dei pedoni e il coordinamento con altri progetti devono essere presi in considerazione.

La modifica di un intero tratto di strada comporta spesso procedure lunghe, ad esempio in caso di ricorsi o espropri, hanno precisato l’Unione dei trasporti pubblici, l’Unione delle città svizzere e l’Associazione dei Comuni Svizzeri, nonché la Conferenza dei direttori cantonali dei trasporti pubblici.

Circa l’80% dei passeggeri

Nel settore ferroviario, circa il 60% delle stazioni sarà privo di barriere architettoniche entro la fine del 2023. Anche in questo caso, le stazioni più frequentate sono state adattate per prime, il che dovrebbe andare a beneficio di circa l’80% dei passeggeri. Per realizzare i lavori, i gestori delle infrastrutture devono poter disporre delle risorse finanziarie garantite dalla Confederazione.

Per quanto riguarda le ferrovie, i ritardi sono dovuti a due motivi. In primo luogo, l’attuazione è stata più complessa del previsto. In secondo luogo, alcuni dei requisiti per l’eliminazione delle barriere architettoniche nelle stazioni e nelle fermate hanno reso necessaria la trasformazione di un numero maggiore di stazioni rispetto a quanto inizialmente previsto.

Soluzioni alternative

Alla scadenza del termine legale, verranno proposte misure alternative o transitorie, sotto forma di assistenza al personale o di servizi di navetta. I costi di queste misure saranno sostenuti dai proprietari delle fermate, in genere cantoni, città e comuni.

A partire dal 2024, l’orario online consentirà alle persone a mobilità ridotta di informarsi sull’accessibilità delle fermate e sulle alternative offerte. Il Contact Center Handicap delle FFS fungerà da punto di contatto per i clienti di tutte le aziende di trasporto.

Molteplici attori interessati

L’attuazione della LDis andrà a beneficio non solo delle persone con disabilità, ma anche degli anziani e di chi viaggia con passeggini, biciclette o bagagli ingombranti. Nonostante i ritardi, molto è già stato fatto, hanno sottolineato le organizzazioni di categoria.

La maggior parte dei veicoli è ora conforme alla legge. Sono state integrate rampe e ascensori, ottimizzati schermi e pannelli di visualizzazione e create strutture di consultazione audio. I cartelli degli orari sono stati abbassati alle fermate e le applicazioni sono state ottimizzate.

Ma c’è ancora molto da fare. I gestori dell’infrastruttura ferroviaria sono responsabili dell’accesso e dei marciapiedi delle stazioni. Le aziende di trasporto sono responsabili dei veicoli e delle informazioni ai clienti. Infine, i proprietari delle fermate sono responsabili dell’adeguamento delle fermate di autobus e tram.

Attualità

Partecipanti al Pride di Zurigo.

Altri sviluppi

In ventimila al Pride di Zurigo

Questo contenuto è stato pubblicato al "Libero sotto ogni aspetto - da 30 anni". Sotto questo motto si è tenuto oggi con la partecipazione di 20'000 persone il Pride di Zurigo.

Di più In ventimila al Pride di Zurigo
Manifestanti a Parigi.

Altri sviluppi

La Francia scende in piazza contro l’estrema destra.

Questo contenuto è stato pubblicato al Sabato diverse migliaia di persone hanno manifestato in Francia per invocare una rivolta "repubblicana" contro l'estrema destra, che potrebbe salire al potere nelle elezioni parlamentari anticipate del 30 giugno e del 7 luglio.

Di più La Francia scende in piazza contro l’estrema destra.
La foto di rito di tutti i leader presenti al G7 con al centro Papa Francesco.

Altri sviluppi

Un Papa per la prima volta al vertice del G7

Questo contenuto è stato pubblicato al Per la prima volta di un Pontefice partecipa a questo vertice. L'accoglienza è calorosa non solo da parte della premier italiana Giorgia Meloni - "è un momento storico, non ringrazierò mai abbastanza Sua Santità per essere qui" - ma da tutti i Grandi della Terra.

Di più Un Papa per la prima volta al vertice del G7
Raphael Glucksmann.

Altri sviluppi

In Francia la sinistra si unisce per combattere l’estrema destra

Questo contenuto è stato pubblicato al Raphael Glucksmann che ha rilanciato il Partito socialista con il suo movimento Place Publique ritiene che l'unico modo per fermare il Rassemblement National sia la craezione di un'unione di sinistra.

Di più In Francia la sinistra si unisce per combattere l’estrema destra
Una postina svizzera.

Altri sviluppi

Per risparmiare la Posta consegnerà lettere e pacchi in ritardo

Questo contenuto è stato pubblicato al Per risparmiare il Consiglio federale propone che solo il 90% delle lettere e dei pacchi venga consegnato per tempo dalla Posta. Inoltre, si vuole abolire l'obbligo di consegna nelle case abitate tutto l'anno.

Di più Per risparmiare la Posta consegnerà lettere e pacchi in ritardo
La cascata della Piumogna a Faido.

Altri sviluppi

Attenti al fiume Ticino e alle sue possibili improvvise piene

Questo contenuto è stato pubblicato al La portata del fiume Ticino e dei suoi affluenti in Leventina, tra Airolo e Personico, potranno subire delle importanti variazioni durante l’intero arco delle 24 ore. L'Azienda elettrica ticinese invita la popolazione alla prudenza. 

Di più Attenti al fiume Ticino e alle sue possibili improvvise piene

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR