Navigation

Violenza alle donne, monta la protesta in Brasile

Anche la presidente sospesa Dilma Rousseff in piazza dopo lo stupro collettivo di una sedicenne in una favela di Rio

Questo contenuto è stato pubblicato il 03 giugno 2016 - 21:47

In Brasile non accenna a diminuire la protesta delle donne contro le violenze perpetrate dall'altro sesso. Sono numerose le manifestazioni pubbliche in cui si chiedono pene più severe per questi reati che restano quasi sempre impuniti.

E mentre la giustizia indaga sugli ultimi episodi di cronaca, tra cui la violenza collettiva subita due settimane fa in una favela di Rio de Janeiro da una sedicenne ad opera di 33 giovani, che hanno poi diffuso sui social network foto e video della loro impresa, anche il mondo politico prende posizione.

Tra i protagonisti che si sono uniti alle dimostrazioni si è rivista la presidente sospesa Dilma Rousseff che sta cavalcando questa battaglia per ottenerne verosimilmente un vantaggio nel procedimento di impeachment pendente nel parlamento brasiliano.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.