Navigation

Turismo, più Svizzeri, meno italiani

Trend positivo per il settore nel Bel Paese

Questo contenuto è stato pubblicato il 31 luglio 2014 - 10:43

Cresce il contributo turistico internazionale all'economia italiana che nel 2013 è stato di 33 miliardi, 1 in più rispetto al 2012 con un trend di crescita per il 2014 del 5,2%.

Quattro le Regioni più gettonate (Lazio, Lombardia, Veneto e Toscana) che raccolgono il 60% della spesa turistica.

Tra le nazioni più "generose" la Svizzera che si pone tra i primi cinque paesi a più alto tasso di incidenza con una spesa complessiva di 2milioni 127mila euro il 5,7% in più rispetto al 2012 e una spesa procapite (97 euro al giorno) tra le più alte dei paesi europei che in media spendono 102,33 euro al giorno.


In testa i Russi (149,48 euro) dagli Spagnoli (111,17 euro), dai Britannici (105,14 euro).

Nota dolente è il Mezzogiorno che contribuisce con non più del 13% nonostante l'alta vocazione turistica del territorio. Sul fronte interno c'è invece da registrare un calo delle presenze degli italiani del 7,5%.

"Non è tutto merito nostro- ha ricordato Franceschini – perché siamo in carica da cinque anni ma questo governo per la prima volta ha deciso di puntare sul settore turistico come volano della crescita economica".

(Giuliano Rosciarelli/alaNEWS)

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.