Navigation

Turchia, arrestati oltre 7000 agenti di polizia

Dopo esercito e magistratura, circa 6'000 militari e 3'000 giudici già incarcerati, nel mirino del presidente turco Erdogan è finita anche la polizia

Questo contenuto è stato pubblicato il 18 luglio 2016 - 12:53

All'indomani del fallito golpe, il Presidente turco Erdogan, dopo esercito e magistratura, ha preso di mira la polizia. Oltre settemila agenti sono stati sospesi, costretti a riconsegnare armi e distintivi. Sospensioni che potrebbero presto tramutarsi in arresti.

Inoltre, il Presidente turco spinge per la reintroduzione della pena capitale, fatto che preoccupa opposizione e comunità internazionale.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.