Navigation

Tsunami, il giorno del ricordo

Il 26 dicembre 2004, alle 7 e 58 del mattino, l'una e 58 di notte in Svizzera al largo dell'isola di Sumatra si verificò una potentissima scossa di terremoto, magnitudo 9.3 sulla scala Richter, il terzo sisma più potente mai misurato

Questo contenuto è stato pubblicato il 27 dicembre 2014 - 19:23

Con le preghiere, con il silenzio, da sole o in gruppo: migliaia di persone oggi nel sud-est asiatico hanno voluto ricordare il 26 dicembre di 10 anni fa e le devastanti conseguenze dello tsunami. Un disastro naturale in cui morirono circa 230mila persone, ma che generò anche la solidarietà commossa del mondo intero.

Vi proponiamo un minuto di immagini, quelle più significative della tragedia che 10 anni fa colpì parte del continente asiatico. Immagini che sono rimaste nella memoria collettiva.

La città di Banda Aceh, in Indonesia, è stata ricostruita e la gente è tornata a vivere. E anche se molto è stato fatto per prevenire simili tragedie, ci sarebbe ancora da fare. La povertà e la necessità di pescare per sopravvivere, per esempio, hanno fatto sì che le case siano state ricostruite proprio laddove la furia dell'acqua aveva spazzato via ogni cosa.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.