La televisione svizzera per l’Italia

Svizzera e NATO: solo un flirt o l’inizio di un fidanzamento?

Stoltenberg and Amherd
Il segretario generale NATO Jens Stoltenberg e la capa del Dipartimento della difesa Viola Amherd al Forum economico mondiale (WEF) a Davos, il 16 gennaio. © Keystone / Laurent Gillieron

Dopo l'annuncio della Svizzera di voler realizzare una "collaborazione più stretta e istituzionalizzata" con la NATO, esaminiamo le principali questioni esistenti in questo complicato rapporto.

Nel mese di marzo del 2023, la consigliera federale Viola Amherd, a capo del Dipartimento della difesa, ha incontrato a Bruxelles il segretario generale dell’Organizzazione del Trattato dell’Atlantico del Nord (NATO) Jens Stoltenberg. Tra gli interessi elvetici c’era e c’è quello di partecipare maggiormente alle esercitazioni della NATO, sviluppare l’interoperabilità tra l’esercito svizzero e l’Alleanza, rafforzare la sua partecipazione ai centri di competenza certificati, nonché collaborare più strettamente nei settori ciber, resilienza e innovazione. Ma il rapporto tra le due forze non è semplice.

Chi fa parte della NATO?

L’Organizzazione del Trattato dell’Atlantico del Nord è un’alleanza militare composta da 31 StatiCollegamento esterno (tutti europei salvo Stati Uniti e Canada). Il trattato costitutivo fu firmato da 12 membri a Washington DC il 4 aprile 1949.

+ La Svizzera vorrebbe maggiore coinvolgimento nella NATO

Originariamente fondata come un’alleanza militare allo scopo di contrastare l’Unione Sovietica, dalla caduta del Muro di Berlino la NATO ha promosso la sicurezza in Europa in modo più ampio, integrando nuove sfide come il terrorismo, la guerra informatica e l’ascesa della Cina.

La NATO si impegna a preservare il principio della difesa collettiva, secondo il quale “un attacco contro uno o più dei suoi membri è considerato un attacco contro tutti”. Finora, questo principio (articolo 5 del Trattato di Washington) è stato invocato una sola volta: in risposta agli attacchi dell’11 settembre 2001 negli Stati Uniti.

Il quartier generale della NATO si trova a Bruxelles, in Belgio, e dal 2014 il suo segretario generale è Jens Stoltenberg, ex primo ministro norvegese.

Qual è il rapporto della Svizzera con la NATO?

La Svizzera è ufficialmente neutrale e non è un membro della NATO. Tuttavia, dal 1996 prende parte al programma di Partenariato per la PaceCollegamento esterno della NATO. Ciò implica la cooperazione militare bilaterale e la condivisione di informazioni ed esperienze. Non esistono obblighi giuridici vincolanti, come la difesa collettiva. 

Dal 1999, l’Esercito svizzero partecipa alla missione internazionale per il mantenimento della pace guidata dalla NATO in Kosovo. Ciò ha scatenato le reazioni di politici svizzeri provenienti da ogni schieramento: alcuni a sinistra hanno denunciato la militarizzazione della politica estera svizzera, mentre altri a destra hanno denunciato che essa mina la neutralità.

Nel marzo 2022, l’ambasciatore svizzero alla NATO, Philippe Brandt, ha dichiarato in un’intervista a SWI swissinfo.ch che la neutralità svizzera è uno dei fondamenti del partenariato tra la Svizzera e la NATO, che, a suo avviso, è “stabile e fruttuoso”.

Perché la Svizzera intende avvicinarsi all’Alleanza militare?

“In considerazione della situazione di sicurezza nettamente peggiorata, la capacità di difesa dell’esercito sarebbe stata rafforzata”, ha affermato il governo in una notaCollegamento esterno il 31 gennaio. Inoltre, “la politica di sicurezza e di difesa dovrà essere orientata alla cooperazione internazionale in modo più coerente rispetto al passato, in particolare con la NATO, l’UE e i Paesi confinanti”.

L’invasione russa dell’Ucraina nel febbraio 2022 ha scosso il quadro di sicurezza europeo. La NATO, che il presidente francese Emmanuel Macron aveva liquidato nel 2019 come ormai in stato di morte cerebrale, ha avuto una nuova prospettiva di vita con l’adesione della Finlandia lo scorso anno e con l’imminente arrivo della Svezia, un tempo neutrale.

Dall’inizio della guerra in Ucraina, in Svizzera si è discusso molto di un riavvicinamento alla NATO e l’iniziativa ha trovato sostegno in quasi tutti gli schieramenti politici e nell’opinione pubblica. La domanda è: quanto stretta dovrebbe essere questa cooperazione?

Poche settimane dopo l’invasione, Thierry Burkart, presidente del Partito liberale radicale (PLR, di centrodestra), ha sostenuto in un articolo d’opinioneCollegamento esterno sulla Neue Zürcher Zeitung che fosse giunto il momento della “fine della Svizzera riccio”, che in caso di difficoltà si arrotola in una palla piena di spine, ma non fa nulla quando altri Paesi vengono attaccati. “La politica di sicurezza della Svizzera si trova in un impasse“, ha scritto. “L’attacco della Russia all’Ucraina lo rivela spietatamente”.

Zelensky and Stoltenberg
Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky e Jens Stoltenberg al summit della NATO ​a Vilnius, in Lituania, il 12 luglio 2023. Keystone / Filip Singer

Poco dopo, il collega di partito di Burkart e consigliere nazionale Damien Cottier ha scrittoCollegamento esterno per Le Temps che fortunatamente la Svizzera non correva il rischio di aggressione da parte dei suoi vicini immediati: una “barriera” di Stati membri della NATO la separava dalla Russia. “Ma la speranza di essere protetti gratuitamente è un sogno pericoloso e irrealizzabile. Il nostro Paese non può essere uno scroccone quando si tratta della sicurezza europea”, ha affermato.

Parlando dei massimi livelli di rappresentanza, nel marzo 2023 Viola Amherd è diventata la prima ministra della difesa svizzera a partecipare al Consiglio del Nord Atlantico della NATOCollegamento esterno. In un incontro bilaterale a Bruxelles, il segretario generale Jens Stoltenberg ha dichiarato che la neutralità della Svizzera non è un ostacolo alla collaborazione con la NATO e ha accolto con favore l’impegno di Berna ad approfondire la cooperazione con l’Alleanza. I due si sono incontrati anche al World Economic Forum (WEF) nella località svizzera di Davos il mese scorso.

+ La Svizzera rimarrà neutrale fino in caso di emergenza

I compromessi che la Svizzera dovrebbe fare per avere accesso alla protezione della NATO, compreso il suo “ombrello nucleare”, non sono chiari. Ma, secondo Le Temps, quando si sono incontrati a Bruxelles, Stoltenberg ha esortato Amherd a non firmare e ratificare il Trattato delle Nazioni Unite sulla proibizione delle armi nucleari. La pressione della NATO, ma anche di tre dei suoi membri – Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia – sembra essere molto forte.

La Svizzera aderirà mai alla NATO?

Mai dire mai, ma al momento sembra altamente improbabile. “La Svizzera non è interessata all’adesione alla NATO; semplicemente non ne abbiamo bisogno”, spiegava in un’intervista a SWI swissinfo.ch Lea Schaad, ricercatrice in ambito di sicurezza al Politecnico federale ETH di Zurigo. “Non solo non c’è motivo per noi di aderire, ma l’adesione sarebbe addirittura uno svantaggio: perderemmo la nostra neutralità”.

Schaad ritiene che la NATO avesse maggiore interesse per una Svizzera come luogo in cui condurre la diplomazia. “Altri Paesi traggono vantaggio dall’avere uno stato neutrale in cui si possano tenere riunioni internazionali. Ginevra non sarebbe Ginevra se la Svizzera facesse parte della NATO”, ha affermato.

Secondo il Ministero della difesa, infatti, l’adesione della Svizzera alla NATO è fuori questione. “L’adesione alla NATO non è compatibile con la neutralità della Svizzera”, ha dichiarato nel 2022 la portavoce Carolina Bohren. “Se la Svizzera fosse oggetto di un attacco armato, la neutralità sarebbe nulla”. La Svizzera non solo potrà difendersi militarmente, ma potrà anche unire le forze con altri Paesi, ad esempio con i Paesi vicini.

Da parte sua, la NATO afferma che l’adesione è aperta a “qualsiasi altro Stato europeo in grado di promuovere i principi di questo Trattato [di Washington] e di contribuire alla sicurezza dell’area del Nord Atlantico”.

Come si svilupperanno quindi le relazioni?

“Quello che sto dicendo è che nelle circostanze attuali non dovrebbe esserci alcun divieto di pensarci”, ha detto nel 2022 Stefan Holenstein, presidente di una delle più grandi associazioni di soldati svizzeri, dopo aver affermato di non escludere più l’adesione della Svizzera alla NATO.

“La neutralità armata fa parte del DNA della Svizzera. Tuttavia, siamo coinvolti nel programma di partenariato per la pace della NATO dal 1996 e nella missione di mantenimento della pace in Kosovo sotto il comando della NATO dal 1999. Dovremmo guardare il nostro sistema di sicurezza in un contesto più ampio”.

Alla domanda su quale forma potrebbe assumere il sistema di sicurezza svizzero, Holenstein ha citato l’esempio dell’integrazione della difesa aerea elvetica nel sistema di difesa aerea della NATO e nella sua struttura di comando e comunicazione. “Sarebbe un riavvicinamento alla NATO ma non un’adesione”, ha affermato. “Per dirla in modo un po’ crudo: ‘Flirtare sì, sposarsi no!'”

I sondaggi hanno ripetutamente mostrato che l’opinione pubblica svizzera è d’accordo con un legame più stretto con la NATO, ma non vuole l’adesione. Il tempo dirà se il governo svizzero riuscirà ad accontentare tutti, qualcuno o nessuno.


In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR