La televisione svizzera per l’Italia

Strage di Nizza, tutti condannati

Molta gente in riccordo delle vittime
Tra gli otto imputati c’erano sei uomini e una donna, tra i 27 e i 48 anni. Copyright 2016 The Associated Press. All Rights Reserved. This Material May Not Be Published, Broadcast, Rewritten Or Redistribu

È finito con la condanna di tutti e otto gli imputati il processo per la strage di Nizza in cui, il 14 luglio 2016, morirono 86 persone (tra cui una 56enne ticinese residente ad Agno) e oltre 450 rimasero ferite. La Corte d’assise speciale di Parigi ha emesso martedì pene comprese tra i 2 e i 18 anni di prigione.

Si è trattato di un processo con un grande assente, visto che il tunisino Mohamed Lahouaej Bouhlel, il 31enne che guidava il camion che travolse la folla sulla Promenade des Anglais, assiepata per quel giorno di festa nazionale francese, venne subito abbattuto dopo uno scontro a fuoco con la polizia francese.

Il tribunale, composto da cinque giudici, ha giudicato Mohamed Ghraieb, l’imputato principale e un amico di Bouhlel, colpevole di appartenere a un’organizzazione terroristica. Gli è stata inflitta una condanna a 18 anni di carcere. Stessa sorte per Chokri Chafroud, pure lui giudicato colpevole del reato di “Association de malfaiteurs terroriste” (AMT).

La sentenza, che giunge al termine di un dibattimento iniziato lo scorso 5 settembre nell’aula bunker costruita per gli attentati di Parigi del 2015,  ha giudicato altri imputati colpevoli di aver aiutato Bouhlel a procurarsi le armi (compresa quella con cui l’attentatore fece fuoco dal finestrino mentre travolgeva la folla) e il camion. Tra gli otto imputati c’erano sei uomini e una donna, tra i 27 e i 48 anni, tra persone vicine all’attentatore o intermediari giudicati per traffico d’armi.

Attualità

carro armato

Altri sviluppi

Carri armati israeliani nel centro di Rafah

Questo contenuto è stato pubblicato al Malgrado le condanne giunte da tutto il mondo dopo l'attacco di domenica notte, nel quale sono morti decine di civili, l'esercito israeliano prosegue le operazioni nel sud della Striscia di Gaza.

Di più Carri armati israeliani nel centro di Rafah

Altri sviluppi

Un alunno su sei è in sovrappeso

Questo contenuto è stato pubblicato al Il sovrappeso e l'obesità rimangono una sfida per i bambini e gli adolescenti. Secondo un monitoraggio che si riferisce all'anno scolastico 2022/23, un alunno su sei ha problemi con la bilancia.

Di più Un alunno su sei è in sovrappeso

Altri sviluppi

Quasi un terzo degli svizzeri ha già litigato coi vicini, sondaggio

Questo contenuto è stato pubblicato al Secondo un sondaggio in Svizzera quasi un terzo della popolazione ha già vissuto liti con il vicinato. I motivi più comuni sono l'eccesso di rumori, problemi con la lavanderia, infrazioni delle regole sui posteggi e diatribe riguardanti la proprietà di terreni.

Di più Quasi un terzo degli svizzeri ha già litigato coi vicini, sondaggio
bandiere in un viale

Altri sviluppi

Le spie vanno espulse sistematicamente

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Consiglio degli Stati ha approvato lunedì una mozione che prevede di rafforzare i meccanismi di espulsione per gli agenti stranieri.

Di più Le spie vanno espulse sistematicamente
Tre donne prese di schiena in un centro federale d'accoglienza.

Altri sviluppi

Le donne afghane continueranno a ricevere asilo in Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato al Le donne afgane continueranno in linea di principio a ricevere asilo in Svizzera. La prassi attuale della Segreteria di Stato della migrazione (SEM) potrà essere sostanzialmente mantenuta.

Di più Le donne afghane continueranno a ricevere asilo in Svizzera

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR