Navigation

Stato-mafia: depositati i verbali

Il presidente della Repubblica italiana, Giorgio Napolitano keystone

Pubblicate le trascrizioni con l'audizione del presidente Napolitano: "Attentati erano ricatto"

Questo contenuto è stato pubblicato il 31 ottobre 2014 - 14:28

La Corte d'Assise di Palermo ha depositato la trascrizione della testimonianza del presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, sulla presunta trattativa Stato-mafia.

Il documento, 86 pagine, è ora a disposizione delle parti in causa ed è stato pubblicato dai principali quotidiani italiani.

Nella trascrizione si legge che il pubblico ministero Di Matteo chiede al capo dello Stato: "Lei ha detto che si ipotizzò subito la matrice unitaria (degli attentati) e la riconducibilità ad una sorta di aut-aut, di ricatto della mafia, ho capito bene?". Napolitano risponde: "Ricatto o addirittura pressione a scopo destabilizzante di tutto il sistema".

M.Ang./ANSA

QuestaLink esterno e altre notizie su www.rsi.ch/newsLink esterno

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.