Stati Uniti Tolta l'immunità legale per le piattaforme social

Il presidente statunitense ha firmato giovedì sera l'ordine esecutivo sui social media. Trump ha spiegato che con il suo provvedimento i social media non avranno più immunità legale. Twitter ha subito risposto censurando un tweet di Trump, accusandolo di "violazione dei propri standard sull'esaltazione della violenza".

Donald Trump nello studio ovale mostra una copia del NY Post.

Doland Trump ha annunciato che la sua amministrazione farà seguire una legislazione ad hoc sui social, in aggiunta al suo ordine esecutivo.

Keystone / Doug Mills/ Pool

La scure di Donald Trump si abbatte sui social con un ordine esecutivo che punta a ridurre la loro immunità legale esponendoli al rischio di cause, dopo che Twitter ha 'corretto' per la prima volta due cinguettii del tycoon che equiparavano il voto per corrispondenza ai brogli.

La mossa sarà sicuramente sfidata nei tribunali da giganti come Twitter, Facebook, Youtube e Google. La posta in gioco è altissima e riguarda gli argini alla disinformazione, la prerogativa di accertare i fatti in un'epoca dove il potere usa sempre di più le piattaforme social per comunicare direttamente con l'opinione pubblica. 

Facebook vs Twitter

La battaglia, ennesimo test sui confini dei poteri della Casa Bianca, vede Twitter e Facebook su fronti opposti, con i loro leader che litigano indebolendo la risposta di Big Tech. "Abbiamo una politica differente da Twitter su questo, credo fortemente che Facebook non debba essere l'arbitro della verità di tutto ciò che la gente dice online", ha detto l'ad Mark Zuckerberg in un'intervista a Fox. "In generale le società private, specialmente queste piattaforme, probabilmente non dovrebbero essere nella posizione di farlo".

"Segnalare le informazioni errate non ci rende un 'arbitro della verità'", gli ha risposto il numero uno di Twitter Jack Dorsey. "Continueremo a segnalare informazioni errate o contestate sulle elezioni a livello globale", ha aggiunto, spiegando che i tweet di Trump "potrebbero indurre le persone a pensare erroneamente che non è necessario registrarsi per ottenere una scheda elettorale". "La nostra intenzione è collegare i punti di dichiarazione contrastanti e mostrare le varie informazioni in una disputa in modo che la gente possa giudicare da sola", ha proseguito.

"Questo è un grande giorno per i social media e l'imparzialità!", ha twittato il presidente dopo aver minacciato di "regolamentare fortemente" o di "chiudere" i social, accusandoli di mettere a tacere le voci dei conservatori e di interferire nelle elezioni presidenziali.

Trump vs Twitter

È dunque nuovamente scontro tra Twitter e il presidente statunitense Donald Trump: il social network ha censurato un suo tweet, accusandolo di "violazione dei propri standard sull'esaltazione della violenza".

Il presidente, parlando dei disordini per l'uccisione dell'afroamericano George Floyd, aveva scritto tra l'altro: "... questi teppisti stanno disonorando il ricordo di Goerge Floyd, e io non permetterò che accada. Ho appena parlato con il governatore Tim Walz e gli ho detto che le forze armate sono totalmente con lui. Se ci sono difficoltà, assumeremo il controllo, ma quando parte il saccheggio, si inizia a sparare. Grazie!".

"Questo tweet viola le regole di Twitter sull'esaltazione della violenza - ha scritto il social network sulla pagina di Trump - Ma Twitter ha stabilito che è nell'interesse pubblico che resti accessibile". La censura avviene dopo che due tweet del presidente erano stati segnalati come contenuti aventi bisogno di "fact-checking" di Twitter nell'ultima settimana, scatenando l'ira di Trump e di molti suoi sostenitori.

Cambierà davvero la legge?

La bozza dell'ordine esecutivo anticipata dai media punta a reinterpretare una legge del 1996, la Communications Decency Act, riducendo l'ampia immunità contro eventuali cause garantita dalla sezione 230 ai siti che moderano le loro piattaforme. A farsene carico dovrebbe essere il dipartimento del Commercio e la Federal Trade commission, che tuttavia è un'agenzia federale indipendente. L'ordine argomenta che la protezione si applica alle piattaforme che operano in "buona fede", sostenendo che i social non ne hanno e attuano invece una "censura selettiva". 

"In un Paese che ha a lungo amato la libertà di espressione non possiamo consentire che un limitato numero di piattaforme online selezionino personalmente i discorsi cui gli americani possono avere accesso o mettere online", si legge nella bozza. "Questa pratica è fondamentalmente anti americana e anti democratica. 

Quando grandi e potenti società social censurano le opinioni che non condividono esercitano un potere pericoloso", prosegue il testo, che prevede anche limitazioni agli investimenti federali sulle loro piattaforme. Difficile, secondo gli esperti, che Trump possa da solo cambiare la legge. Ma l'effetto deterrente della mossa è chiaro.

Altri dettagli nel servizio del telegiornale:


Parole chiave