Navigation

Scioperano tre giorni, licenziati 180 operai somali

Una grande azienda americana che produce carne in Colorado ha licenziato i lavoratori della comunità somala, che avevano scioperato per il diritto a pregare

Questo contenuto è stato pubblicato il 02 gennaio 2016 - 20:25

Una grande azienda americana che produce carne in Colorado ha licenziato 180 lavoratori della comunità somala, che avevano scioperato per il diritto a pregare. La direzione si difende e nega ogni motivazione religiosa. Ma alcuni puntano il dito contro la crescente islamofobia.

Due settimane fa undici impiegati musulmani che lavoravano nello stesso reparto hanno chiesto di poter andare a pregare. Il capo ha rifiutato, ma loro sono andati lo stesso. In azienda è scoppiata la protesta e dei 600 somali impiegati, 200 hanno deciso di scioperare per tre giorni.

Ora la notizia del loro licenziamento sta incendiando il piccolo paese di Fort Morgan in Colorado: 10mila abitanti, 2mila impiegati alla Cargill Meat Solutions, gigante dell'agroalimentare, che qui produce duemila tonnellate di carne in scatola al giorno.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.