Russia Navalny ricoverato per sospetto avvelenamento

Persona, bandiere russe sullo sfondo.

Navalny nel febbraio del 2019 durante un corteo in memoria di Boris Nemtsov.

Copyright 2019 The Associated Press. All Rights Reserved

Il leader dell'opposizione russa Alexei Navalny è ricoverato in coma in cure intensive per un sospetto avvelenamento. Lo ha dichiarato la sua portavoce su Twitter. Principale avversario del presidente Vladimir Putin, l'avvocato 44enne ha già subito attacchi in passato.

Navalny era in un volo che lo stava riportando a Mosca dalla Siberia quando l'aereo ha dovuto atterrare d'urgenza a causa del grave stato di salute dell'uomo. "Alexei è stato avvelenato, intossicato e si trova in cure intensive", ha twittato la sua portavoce. "Pensiamo sia stato avvelenato con qualcosa mischiato al suo tè. Non ha bevuto altro questa mattina", ha precisato aggiungendo che i medici hanno detto che il veleno è stato assorbito rapidamente tramite la bevanda.

L'agenzia di stampa di Stato Tass ha confermato che Navalny è stato ricoverato presso il reparto di tossicologia dell'ospedale di Omsk, in Siberia. Anatoly Kalichenko, uno dei medici del nosocomio, ha poi detto alla stampa che non è ancora sicuro si tratti di un attacco. "Avvelenamento naturale" è una delle possibili diagnosi considerate al momento, ha affermato.

Il servizio del TG:

Precedenti

Principale oppositore di Vladimir Putin, Navalny, le cui pubblicazioni che denunciano la corruzione sono molto condivise in rete, ha già subito attacchi in passato. Nel 2017 gli era stato gettato un prodotto disinfettante negli occhi mentre usciva dal suo ufficio.

Navalny, i suoi sostenitori e la sua famiglia, sono regolarmente oggetto di fermi di polizia, perquisizioni e altre pressioni in tutta la Russia.

Nel 2016, l'attivista aveva rilasciato un'intervista a swissinfo.ch. La potete rileggere nell'articolo qui sotto:

tvsvizzera.it/Zz/afp con RSI (TG del 20.08.2020)

Parole chiave