Navigation

La Russia registra il primo vaccino contro la Covid-19

Il vaccino è stato sviluppato dall'Istituto Gameleya di Mosca. Russian Direct Investment Fund

Vladimir Putin ha annunciato martedì la registrazione del primo vaccino al mondo contro il Sars-CoV-2. Una dichiarazione accolta con molta prudenza dall'Organizzazione mondiale della sanità.

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 agosto 2020 - 21:23

L'annuncio russo avviene a pochi giorni dall'inizio della fase 3 dei test clinici, allorché normalmente ci vogliono mesi prima di un'eventuale registrazione.

Il presidente russo ha dichiarato che il vaccino si è dimostrato efficace e che è stato somministrato anche a una delle sue figlie. Ha avuto un po' di febbre e adesso si sente bene, ha in sostanza affermato Putin.

Il vaccino - battezzato "Sputnik V", dal nome del primo satellite della storia e dove 'V' sta per vaccino - è stato sviluppato dall'Istituto Gameleya e dal Ministero della difesa. L'obiettivo è di produrre 500 milioni di dosi all'anno e di iniziare la produzione industriale in settembre. Il vaccino dovrebbe essere immesso sul mercato in gennaio.

Un annuncio da prendere con prudenza

Il condizionale è però d'obbligo. Sin dall'inizio delle ricerche, l'istituto Gamaleya è accusato di non rispettare alla lettera i protocolli. L'Organizzazione mondiale della sanità ha reagito con estrema prudenza: "Siamo in stretto contatto coi russi e le discussioni proseguono. La prequalificazione di un vaccino sottostà a procedure rigorose", ha sottolineato Tarik Jasarevic, portavoce dell'Oms.

Questa prequalificazione include "l'esame e la valutazione di tutti i dati relativi alla sicurezza e all'efficacia raccolti durante i test clinici", ha ricordato.

Alcuni esperti sono stati molto più diretti. L'iniziativa russa - ha dichiarato François Balloux, dell'University College di Londra, "è una decisione irresponsabile e imprudente". "Una vaccinazione di massa con un vaccino testato male non è etica", ha aggiunto, avvertendo che in caso di problemi l'effetto sarebbe "disastroso" sia per gli effetti sulla salute delle persone vaccinate, sia per l'appoggio alla vaccinazione del grande pubblico.

Il servizio del Tg e le considerazioni di Alessandro Ceschi, direttore medico e scientifico dell'Istituto di scienze farmacologiche della Svizzera italiana:

Contenuto esterno

tvsvizzera.it/mar/agenzie con RSI (TG dell'11.8.2020)

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.