Reportage da Stoccolma Modello svedese, tra sostegno popolare e critiche

Di Tristan Dessert, RTS

La Svezia è un'eccezione in Europa, dove è l'unico paese che non ha imposto alcun contenimento o chiusura di attività. Nonostante le critiche, le autorità sanitarie stanno adottando la loro strategia di dissidenza con un esito incerto.


L epidemiologo Anders Tegnell

Il capo epidemiologo dell'Ufficio della sanità svedese Anders Tegnell è diventato una vera star in Svezia.

Claudio Bresciani


La gente nei caffè all'aperto, i bambini a scuola e i negozi aperti: la vita a Stoccolma non è cambiata molto negli ultimi mesi. Almeno in superficie, perché sarebbe sbagliato pensare che la Svezia non abbia preso provvedimenti contro il coronavirus.

Ma laddove altri paesi europei hanno utilizzato l'esercito per imporre la conformità, le autorità svedesi si sono affidate alla responsabilità individuale, incoraggiando solo il telelavoro e la distanza sociale. Solo i raduni con più di 50 partecipanti, le visite alle case di riposo e il servizio bar sono chiaramente vietati.

Considerato da alcuni come un modello alternativo basato sull'immunità di gruppo piuttosto che sul rigido contenimento, la Svezia - e buona parte della sua popolazione - ha difeso un approccio flessibile, al di fuori delle misure molto severe adottate nel mondo e in Europa.

Recentemente sono state mosse critiche alla strategia di non contenimento delle autorità svedesi, che cominciano a riconoscere i loro fallimenti nella gestione di Covid-19. Dalla metà di maggio, il paese scandinavo ha avuto alcuni dei tassi di mortalità giornaliera più alti del mondo.

Con un tasso di mortalità molto più alto rispetto ai suoi vicini scandinavi e un numero di morti che si avvicina a 4'300 per 10,3 milioni di abitanti, vale a dire più di 400 morti per milione di abitanti, il Paese si interroga.

Sebbene la Svezia abbia meno morti pro capite rispetto al Regno Unito o alla Francia, il tasso è molto più alto di quello dei suoi vicini nordici come la Norvegia (43 morti per milione di abitanti), la Danimarca (97) e la Finlandia (56), che hanno adottato misure molto più drastiche.

Cultura protestante e luterana

Per molto tempo le autorità hanno fatto affidamento sull'educazione civica e sull'autodisciplina della popolazione. L'unica misura restrittiva adottata è il divieto di radunare più di 50 persone e di visitare le case di riposo, duramente colpite dall'epidemia.

Questo approccio può essere spiegato in particolare dalla cultura svedese, dice Jean-Pierre Pouron, sociologo di Stoccolma. "La Costituzione non permette che i cittadini siano privati della loro libertà. Il rigoroso rispetto delle libertà fondamentali è nel Dna degli svedesi, protestanti luterani che coltivano un attaccamento viscerale ai valori del duro lavoro, con un'economia orientata all'esportazione", spiega. "Il desiderio era quello di limitare le rotture in termini di occupazione".

Il reportage dalla Svezia:


Un approccio che è "a lungo termine".

L'agenzia sanitaria svedese e il primo ministro Stefan Löfven riconoscono ora gli "errori" nella gestione dell'epidemia, in particolare il problema altamente emotivo delle case di riposo dove risiedeva almeno un terzo delle vittime di Covid-19.

Molti pazienti anziani non sono stati mandati in ospedale anche se i letti erano disponibili. Accusato di aver "sacrificato i suoi anziani", il governo svedese difende comunque un approccio a lungo termine, convinto che, a lungo andare, i fatti lo dimostreranno.

"La nostra strategia è quella di adottare misure a lungo termine. Il calvario che il nostro Paese sta attraversando è simile a una maratona", difende il Primo Ministro socialdemocratico, che, nonostante l'aumento del numero delle vittime, sta vivendo una crescita di popolarità.

Immunità del gregge non riuscita

L'agenzia sanitaria, da parte sua, ammette il suo fallimento per quanto riguarda le MSE, ma ritiene che un rigoroso contenimento non avrebbe impedito queste morti.

Tuttavia, in Svezia si stanno ora levando voci critiche, finora voci ultra-minoritarie, per denunciare questa politica. Per questa strategia non ha risparmiato l'economia, con un PIL in caduta libera e un forte aumento del numero di persone in cerca di lavoro.

E il tasso di immunità a Stoccolma è quasi quattro volte inferiore a quello sperato: meno del 7% di contaminazione, mentre le autorità sanitarie avevano sperato dal 30 al 40%.

Un gruppo di medici svedesi ha recentemente pubblicato un manifesto al vetriolo sui principali quotidiani del Paese, denunciando un "disastro politico e sanitario".

Il governo persiste e firma

Tuttavia, il governo svedese crede fermamente nella sua politica a lungo termine. Con l'epidemiologo Anders Tegnell in prima linea. Ancora sconosciuto tre mesi fa, l'onnipotente capo dell'Agenzia svedese per la salute pubblica è diventato una vera star nel paese.


Parole chiave