Navigation

Westminster boccia la Brexit senza accordo

Durante l'ora delle domande, la premier conservatrice May aveva risposto picche al leader laburista Corbyn e al suo 'piano B' per una Brexit "morbida". Keystone / Mark Duffy

La Camera dei Comuni ha bocciato mercoledì l'uscita del Regno Unito dall'Unione Europea senza un accordo che regoli la separazione e i rapporti futuri tra le parti. La mozione, radicalizzata da un emendamento, esclude il 'no deal' in qualunque circostanza.

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 marzo 2019 - 21:10
tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (TG del 13.03.2019)

Nell'incertezza, l'UE ha comunque accelerato i preparativi per affrontare lo scenario di un divorzio traumatico. 

Il Parlamento europeo ha varato mercoledì una serie di misure temporanee per garantire il minor disagio possibile a cittadini e imprese in alcuni ambiti: Erasmus, trasporti aerei, stradali e ferroviari, pesca, tutele sociali.

Statuto per i cittadini UE residenti

Londra, intanto, concretizza il suo impegno a garantire i diritti attuali a tutti i cittadini UE già residenti e registrati nel Regno Unito. 

Per chi non dispone dell'app online e di un sistema operativo android, i moduli cartacei per chiedere al ministero dell'interno il riconoscimento dello statuto speciale saranno disponibili da fine marzo.

Due emendamenti al voto

Prima dello scrutinio della mozione 'no deal sì o no', presentata dal governo dopo la seconda bocciatura martedì dell'accordo sulla Brexit patrocinato dalla premier Theresa May, sono stati ammessi al voto della Camera due emendamenti.

Il primo, approvato, è stato promosso trasversalmente da deputati conservatori moderati e laburisti ed esclude un'uscita del Regno Unito dall'UE in alcuna circostanza e in qualunque momento "senza un accordo di recesso e una cornice sulle relazioni future" ratificate.

Contenuto esterno


Il secondo, respinto, è stato invece presentato da conservatori pro e contro il divorzio e prevedeva un no-deal "gestito", con l'impegno unilaterale britannico a mantenere lo status quo nelle relazioni con l'UE, per una transizione estesa fino al dicembre 2021 in attesa di un accordo finale.

Escluso il piano B laburista

In mattinata, durante l'ora delle domande ai Comuni, il leader laburista Jeremy Corbyn aveva rilanciato in un botta e risposta con Theresa May il suo piano B, invitando la premier a convergere sulla proposta di lasciare il Regno Unito nell'unione doganale e "allineata" al mercato unico.

May ha risposto picche, ricordando che pure il piano di Corbyn è stato bocciato dalla Camera e dicendosi certa che il popolo britannico voglia uscire dall'UE e anche dal mercato unico, garantendo al Regno la libertà di negoziare accordi di libero scambio con Stati terzi.

Contenuto esterno


Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?