Navigation

Polemiche in Lombardia per la legge anti-moschee

Le nuove norme approvate dal Consiglio regionale contestate dalle comunità religiose

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 febbraio 2015 - 21:56

Cresce la polemica in Lombardia per l'inasprimento delle norme approvato dal Consiglio regionale sui luoghi di culto. La legge, subito ribattezzata anti-moschee, prevede tutta una serie di restrizioni di tipo urbanistico, legale e architettonico che si estendono a tutte le confessioni religiose ma che in pratica sono state concepite, per espressa volontà della maggioranza Lega-Centrodestra, per limitare l'attività degli imam. L'iter procedurale-legale in corso ci dirà se la Lombardia sarà la prima regione a vietare di fatto l'edificazione di moschee sul suo territorio.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.