Navigation

Olimpiadi? No grazie

All'indomani della candidatura di Roma per l'evento sportivo planetario del 2024, stampa e opinione pubblica sono scettiche sulla possibilità italiana di organizzare i giochi

Questo contenuto è stato pubblicato il 16 dicembre 2014 - 14:29

Il giorno dopo il lancio della candidatura di Roma e dell'Italia alle Olimpiadi del 2014, si è scatenata la stampa e anche l'opinione pubblica che nei sondaggi afferma di non credere alle possibilità italiane. Il pensiero, caustico e sommario del popolo del web, va alle vicende di mafia capitale e del possibile malaffare che potrebbe crearsi con il nuovo evento in arrivo.

Lo fa addirittura riscrivendo il logo olimpico a colpi di manette o, come commenta non senza ironia la prima firma dello sport del giornale Il Messaggero Roberto Renga, invocando l'introduzione di nuove discipline a cinque cerchi come la corsa alla tangente, la caccia al voto o il rimpasto di giunta.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.