Navigation

Lotta ai padroncini

Una sessantina di misure per combattere la concorrenza sleale

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 settembre 2015 - 17:53

Quasi 60mila frontalieri ogni giorno entrano dall'Italia in Ticino per motivi di lavoro. Non solo. Il 46% dei lavoratori in Ticino sono stranieri (compresi i residenti). A questi numeri vanno poi aggiunti i cosiddetti padroncini e lavoratori distaccati che in totale nel 2012 hanno prestato oltre 290mila giornate di lavoro. Secondo gli ambienti economici ticinesi, padroncini e lavoratori distaccati – con la loro concorrenza spesso sleale – distorcerebbero il mercato del lavoro ticinese. In breve, in Ticino la presenza di lavoratori distaccati, padroncini e frontalieri rappresentano un problema per il mondo del lavoro di non facile risoluzione.

Riccardo Franciolli

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.