Navigation

L'inglese fuori dall'Ue

La targa all'entrata del Parlamento europeo con le 24 lingue oggi ufficiali wikipedia

Lingua franca per eccellenza, potrebbe non più figurare tra gli idiomi ufficiali, poiché l'Irlanda ha indicato il gaelico e Malta il maltese

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 giugno 2016 - 17:05

Una delle conseguenze della Brexit è che l'inglese, idioma comunemente adottato nella comunicazione internazionale, rischia di non essere più una delle 24 lingue ufficiali dell'Unione europeaLink esterno. Un po' la situazione che la comunità visse negli anni Sessanta quando al suo interno si lavorava in olandese, francese, tedesco e italiano.

Il rischio, stando a quanto indicato la responsabile del comitato affari costituzionali del Parlamento europeo, è concreto poiché, una volta che l'uscita della Gran Bretagna sarà formalizzata, non resteranno paesi membri che hanno scelto l'inglese come propria lingua ufficiale. L'Irlanda ha infatti indicato il gaelico e Malta il maltese.

In Francia già si spera che l'uscita del Regno Unito porti a una rivalutazione della propria lingua. Ma quali ripercussioni avrà sullo statuto della lingua e della cultura ad essa legata? Nell'audio qui sotto le considerazioni di Christopher Dawson, professore di inglese all'Università della Svizzera italiana e di filosofia al Frankling University Switzerland.

Diem/RG

QuestaLink esterno e altre notizie su www.rsi.ch/newsLink esterno

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.