Navigation

Jihadisti in Svizzera: 20 casi

Diversi i legami con il jihadismo in Svizzera keystone

In quattro circostanze si parla di legami con la Siria. L'MPC non conferma però le anticipazioni della NZZ am Sonntag

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 settembre 2014 - 14:43

Il Ministero pubblico della Confederazione (MPC) sta indagando su circa 20 casi nell'ambito dello jihadismo radicale. In quattro circostanze si parla di legami con la Siria, ha dichiarato la portavoce Jeannette Balmer, che non ha però confermato le indiscrezioni sul tema apparse su un articolo della NZZ am Sonntag riguardante l'arresto di tre presunti jihadisti iracheni in SvizzeraLink esterno.

Secondo il giornale, i cittadini iracheni si trovano in detenzione preventiva e sono accusati di far parte e di sostenere un'organizzazione criminale.

Essendo le indagini ancora in corso, il MPC non può commentare la veridicità dei dettagli rivelati dal domenicale, ha spiegato Balmer.

RedMM/ats/mrj

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.