La televisione svizzera per l’Italia

Israele finisce nella lista nera dell’ONU

Beyamin Netanyahu a un pulpito fa un gesto col braccio sinistro; dietro, bandiere israeliane
Il premier in un'immagine d'archivio. Copyright 2019 The Associated Press. All Rights Reserved.

Le Nazioni Unite classificano così i Paesi e i gruppi armati che, in situazioni di guerra, commettono gravi violazioni contro i bambini. Una decisione che sta creando scompiglio a Gerusalemme.

L’ONU mette Israele nella nera di Paesi e gruppi armati che ritiene abbiano commesso gravi violazioni contro i bambini nelle aree di guerra. Una decisione del segretario generale del Palazzo di Vetro Antonio Guterres – denunciata dall’ambasciatore dello Stato ebraico Gilad Erdan – che ha scatenato l’ira della leadership israeliana, a cominciare dal premier Benjamin Netanyahu.

La lista nera comprende per la prima volta sia Israele, con l’Idf, sia Hamas e la Jihad islamica: il rapporto relativo dell’ONU sarà pubblicato ufficialmente a fine giugno. Fatto sta, hanno sottolineato i media, che un Paese democratico come Israele si trova in compagnia, a causa della guerra a Gaza, di Russia, Isis, al-Qaeda, Boko Haram, Afghanistan, Iraq, Myanmar, Somalia, Yemen e Siria.

Nei precedenti rapporti dell’ONU erano stati inclusi capitoli che riguardavano il conflitto con i palestinesi con accuse a Israele di gravi violazioni dei diritti dei bambini. Ma mai prima d’ora lo Stato ebraico era stato inserito nell’annesso finale del rapporto, che riguarda appunto “le parti che non hanno messo in atto misure durante il periodo di riferimento per migliorare la protezione dei bambini”. È questa la vera e propria lista nera, la cui elencazione spetta al segretario generale dell’ONU.

“Le Nazioni Unite – ha denunciato Netanyahu – si sono messe oggi nella lista nera della storia unendosi ai sostenitori degli assassini di Hamas”. “L’Idf – ha continuato il premier – è l’esercito più morale del mondo e nessuna decisione delirante dell’ONU potrà cambiare questa realtà”.

Anche il leader centrista e ministro del Gabinetto di guerra Benny Gantz ha parlato “di un nuovo minimo storico” nell’antisemitismo da parte delle Nazioni Unite: “Mentre Israele conduce la guerra più giusta della sua storia contro mostri che hanno massacrato, violentato e rapito neonati, donne e bambini in nome di un’ideologia omicida, l’ONU – ha accusato – traccia spudoratamente false equivalenze tra Israele e Isis”.

Il ministro degli Esteri Israel Katz ha invece bollato la decisione come “un atto cialtronesco da parte di Guterres: un passo che avrà conseguenze sulle relazioni di Israele con le Nazioni Unite”.

E mentre si accentua lo scontro tra Israele e la comunità internazionale, sabato sera potrebbe aprirsi una crisi di governo a Gerusalemme. Domani scade infatti l’ultimatum che Gantz ha posto lo scorso 18 maggio a Netanyahu intimandogli di cambiare strategia nella guerra a Gaza, a partire dal futuro governo della Striscia, pena l’uscita dall’esecutivo di emergenza nazionale. Uno scenario dalle molte incognite.

Anche se Netanyahu può contare su una solida maggioranza di seggi di destra alla Knesset infatti, l’addio di Gantz avrebbe un indiscutibile peso politico, visto che il leader centrista non solo conta forti legami con gli Usa ma potrebbe anche indurre altri nel governo – come il ministro della Difesa Yoav Gallant, anche lui in disaccordo con Netanyahu sul futuro governo a Gaza – a prendere decisioni clamorose.

Questo è il quadro che il segretario di Stato Usa Antony Blinken troverà lunedì al suo arrivo in Israele nella sua ottava visita dall’inizio della guerra. Mentre sul tavolo resta la road map rilanciata dal presidente Joe Biden – che oggi ha dato atto a Netanyahu di averlo ascoltato sull’operazione a Rafah – che al momento non è riuscita a sbloccare lo stallo nei negoziati, sebbene le trattative tra Cairo e Doha continuino.

Attualità

Naufragio del 17 giugno 2023 al largo della Calabria.

Altri sviluppi

Due naufragi nel Mediterraneo in 24 ore

Questo contenuto è stato pubblicato al Le tragedie hanno causato la morte di almeno 16 persone. Un numero molto approssimativo perché - stando alle testimonianze - i dispersi sarebbero decine.

Di più Due naufragi nel Mediterraneo in 24 ore
soldati svizzeri

Altri sviluppi

Via libera ad altri 4 miliardi per l’esercito svizzero

Questo contenuto è stato pubblicato al Dopo la Commissione delle finanze, anche quella della politica di sicurezza del Nazionale è a favore di un aumento di ulteriori 4 miliardi di franchi per il periodo 2025-2028.

Di più Via libera ad altri 4 miliardi per l’esercito svizzero
Siringhe

Altri sviluppi

Per vaccinarsi contro il coronavirus si dovrà pagare di tasca propria

Questo contenuto è stato pubblicato al Lo rende noto l'Ufficio federale della sanità pubblica precisando che a partire dal mese di luglio 2024, le assicurazioni malattia copriranno le spese solo alle persone a cui l'immunizzazione verrà raccomandata.

Di più Per vaccinarsi contro il coronavirus si dovrà pagare di tasca propria
Una filiale di Meletronics.

Altri sviluppi

Migros taglia 415 posti e vende Melectronics

Questo contenuto è stato pubblicato al Migros sopprime altri 415 posti di lavoro. I tagli fanno parte della ristrutturazione del Gruppo Migros annunciata a inizio di febbraio, che prevede la soppressione di quasi 1'500 impieghi su un organico complessivo di circa 100'000 dipendenti.

Di più Migros taglia 415 posti e vende Melectronics
Irène Jacob.

Altri sviluppi

L’attrice Irène Jacob sarà premiata al Festival di Locarno

Questo contenuto è stato pubblicato al Il premio le verrà consegnato venerdì 9 agosto in Piazza Grande quando verrà proiettato il film "Trois couleurs: Rouge" del regista polacco Krzysztof Kieślowski.

Di più L’attrice Irène Jacob sarà premiata al Festival di Locarno
Quattro ragazzi danno calci a un ragatto in terra.

Altri sviluppi

Aumenta il numero di minorenni condannati

Questo contenuto è stato pubblicato al Aumenta in Svizzera il numero di condanne a carico di minorenni. Nel 2023 ne sono state pronunciate 23'080, ossia l'11% in più rispetto all'anno precedente.

Di più Aumenta il numero di minorenni condannati
Laboratorio chimico.

Altri sviluppi

Svizzera competitiva grazie all’efficienza delle sue aziende

Questo contenuto è stato pubblicato al La Svizzera si colloca al secondo posto nella classifica dell'istituto IMD di Losanna sulla competitività mondiale 2024 grazie alla sua performance economica e all'efficienza delle sue aziende.

Di più Svizzera competitiva grazie all’efficienza delle sue aziende
Una zecca.

Altri sviluppi

Cambia il clima, arrivano le zecche. Ecco come difendersi

Questo contenuto è stato pubblicato al La zecca può trasmettere due malattie, la borreliosi di Lyme e la meningoencefalite. Dall’ufficio del medico cantonale ticinese arrivano consigli per difendersi.

Di più Cambia il clima, arrivano le zecche. Ecco come difendersi

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR