Navigation

Iraq, la battaglia infuria a Ramadi

I jihadisti tengono ancora parte della città dopo l'offensiva delle truppe governative scattata ieri

Questo contenuto è stato pubblicato il 23 dicembre 2015 - 21:26

Per il secondo giorno consecutivo l'esercito iracheno, supportato da raid aerei della coalizione guidata dagli USA, sta tentando la conquista di Ramadi, città strategica nella provincia sunnita di Anbar. La battaglia si annuncia difficile e la situazione è aggravata dalla presenza di migliaia di civili in città. Ma intanto le avanguardie di Baghdad sono già penetrate nel centro. A difesa di Ramadi, conquistata in maggio dagli insorti di Isis, resta qualche centinaio di jihadisti che intendono resistere con ogni mezzo.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.