Navigation

Parigi, Notre-Dame in fiamme

Un grande incendio si è sviluppato lunedì pomeriggio nella Cattedrale di Notre-Dame a Parigi, uno dei monumenti più visitati di Europa e Patrimonio mondiale Unesco dal 1991.

Questo contenuto è stato pubblicato il 15 aprile 2019 - 19:59
tvsvizzera.it/ats/reuters/afp con RSI (TG del 15.04.2019)
La guglia, sulla sinistra, è crollata attorno alle 20:00 Keystone


L'intera Ile-de-la Cité, dove sorge la Notre-Dame, è stata evacuata. Turisti e abitanti osservavano la cattedrale stando dall'altra parte della Senna, ammutoliti davanti alla terribile scena. Le autorità hanno comunicato che non dovrebbero esserci vittime.

L'incendio è iniziato probabilmente poco prima delle 19:00 e si è propagato velocemente divorando il tetto e la guglia del monumento gotico, che è crollata poco prima delle 20:00. 

I lavori di spegnimento si sono rivelati molto impegnativi e terranno impegnati a lungo i pompieri che, poco prima delle 22:00, hanno affermato di non essere ancora riusciti a circoscrivere le fiamme.

Contenuto esterno


"Della capriata in legno dell'edificio, risalente al XIX secolo da una parte, al XIII dall'altra, non resterà più niente", ha detto il portavoce di Notre-Dame. Si teme per il destino delle molte opere d'arte che si trovano all'interno, come per esempio la Pietà, di Nicolas Cousteau. Anche le strutture in pietra dell'edificio potrebbero avere subito danni irreparabili.

La famosissima cattedrale, uno dei monumenti più visitati d'Europa (13 milioni di visitatori ogni anno) era nel mezzo dei lavori di ristrutturazione (costati circa 5 milioni di euro) e diverse parti erano coperte da impalcature.

Secondo i pompieri, il rogo "potrebbe essere collegato" a questi lavori.

Il presidente francese Emmanuel Macron ha annullato una molta attesa allocuzione davanti alla nazione per recarsi sul posto.

In un tweet l'inquilino dell'Eliseo ha scritto: "Notre-Dame di Parigi in preda alle fiamme. Emozione di tutta una nazione. Pensiero per tutti i cattolici e per tutti i francesi. Come tutti i nostri compatrioti, stasera sono triste di veder bruciare questa parte di noi". 

Contenuto esterno



Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.