Navigation

Immigrazione clandestina, quattro arresti

Smantellata un'organizzazione criminale tra Italia e Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 luglio 2014 - 20:03

Giovedì sera sono state arrestate quattro persone implicate in un'organizzazione basata in Italia che favoriva l'entrata, il soggiorno ed il transito illegale in Svizzera di clandestini, in particolare eritrei. Lo comunicano il ministero pubblico, la magistratura dei minorenni, la polizia cantonale e le guardie di confine. L'operazione di polizia era in atto da diverse settimane.

I quattro arrestati sono un 30enne, un 29enne ed un 25enne tunisini residenti in Italia e di un 17enne cittadino eritreo, richiedente l'asilo e residente nel Luganese, nei confronti dei quali si ipotizzano i reati di usura, infrazione alla legge federale sugli stranieri, nello specifico incitazione all'entrata, alla partenza o al soggiorno illegali aggravata.

L'inchiesta è coordinata dai procuratori pubblici Nicola Respini e Chiara Borelli.

redMM

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.