Navigation

Sanna Marin propone la giornata lavorativa di sei ore

Il congresso di Tampere l'ha anche eletta presidente del Partito socialdemocratico. Keystone / Mauri Ratilainen

La prima ministra finlandese, la socialdemocratica Sanna Marin, ha proposto di ridurre l'attuale giornata lavorativa di otto ore, sostenendo che orari più brevi potrebbero essere compensati da una maggiore produttività.

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 agosto 2020 - 21:10
tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (TG del 25.08.2020)

Deputata dal 2015, fortemente impegnata per l'ambiente, Sanna Marin è diventata premier finlandese a dicembre 2019, a quell'epoca il più giovane capo di governo al mondo, prima che risalisse al potere in Austria Sebastian Kurz.

End of insertion

Secondo quanto riferito martedì dal quotidiano Helsinki Times, la richiesta è stata avanzata durante il discorso di lunedì sera al suo partito socialdemocratico.

Marin, che aveva lanciato l'idea di una giornata di sei ore prima di diventare premier, è tornata a spingere per una riduzione della giornata lavorativa a causa della crescente disoccupazione dovuta al coronavirus. Dovrà convincere gli altri quattro partiti della sua coalizione.

Può funzionare?

L'idea di Marin era stata ventilata anche dai sindacati tedeschi per salvare il settore automobilistico. Ma potrebbe davvero aiutare a salvare posti di lavoro? Il commento del caposervizio economia della Radiotelevisione svizzera RSI.

Contenuto esterno


All'inizio di quest'anno, Marin ha annunciato l'intenzione di concedere ai padri lo stesso periodo di congedo parentale retribuito delle madri (quasi 7 mesi) per promuovere l'uguaglianza e aumentare i tassi di natalità.

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.