Navigation

Ferguson, dopo le marce pacifiche, gli scontri

In tarda serata, come temuto, le manifestazioni a un anno dall'uccisione di Michael Brown sono sfociate in violenza; due persone gravemente ferite

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 agosto 2015 - 13:58

A Ferguson, negli Stati Uniti, dopo una giornata di marce pacifiche e silenziose, sono sfociate nella violenza le celebrazioni in ricordo di Michael Brown, il giovane afro-americano ucciso un anno fa da un poliziotto bianco.

Nella tarda serata di domenica due persone sono rimaste gravemente ferite, proprio mentre il nuovo capo della polizia stava tracciando un bilancio positivo della giornata commemorativa.

Come si vede nel servizio, l'intervista si interrompe al suono di una raffica di colpi d'arma da fuoco. Un uomo rimane a terra, una seconda persona è stata portata d'urgenza in ospedale. Nel frattempo, manifestanti sfogano la loro rabbia spaccando vetrine e saccheggiando negozi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.