Navigation

Direttive Ue contro il traffico illegale di armi

L'accordo sulle armi da fuoco, raggiunto oggi dai Ministri europei di Giustizia e Affari Interni, colma diverse lacune della legislazione finora in vigore

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 giugno 2016 - 20:31

A Lussemburgo, i Paesi dell'Unione europea sono arrivati ad un accordo per irrigidire le direttive sulle armi da fuoco. Negli scorsi mesi, il tema, che era diventato prioritario in seguito agli attentati di Parigi e Bruxelles, aveva creato qualche preoccupazione alla Svizzera, che ha però ottenuto delle deroghe per quanto concerne la tradizione tutta elvetica dell'arma d'ordinanza custodita a casa.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.