Navigation

Politici tedeschi nel mirino degli hacker

Della cancelliera "si ritiene non siano state divulgate informazioni sensibili". RSI-SWI

In Germania, dati personali di centinaia tra politici e personaggi famosi sono stati trafugati e pubblicati su Internet, in un ampio attacco telematico che ha colpito i maggiori partiti. Resta da chiarirne la matrice: a diffondere i dati, attraverso Twitter, è stato uno sconosciuto con un account di Amburgo.

Questo contenuto è stato pubblicato il 05 gennaio 2019 - 16:30
tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (TG del 05.01.2019)

Numeri di telefono, indirizzi di posta elettronica, conversazioni email e chat e persino informazioni di carte di credito o bancarie: è quanto è stato sottratto dagli hacker a esponenti di tutti partiti attivi a livello nazionale, tranne l'Alternative für Deutschland.

La notizia, anticipata venerdì mattina dalla radio tedesca Rbb, è stata poi ripresa da molti media fra cui l'agenzia di stampa Dpa, che avevano riferito della pubblicazione di un indirizzo mail, un numero di fax e diverse lettere di Angela Merkel o destinate alla cancelliera.

In rete da dicembre

La portavoce della cancelleria Martina Fiez ha affermato nel pomeriggio che "a prima vista si ritiene non siano state divulgate informazioni sensibili". Ciò non toglie che il governo tedesco prenda "molto seriamente" l'attacco e inviti a usare "grande prudenza" nel trattare questi dati.

I dati, apparentemente, circolano in rete almeno da Natale, ma i diretti interessati ne sono venuti a conoscenza solo venerdì. L'attacco è durato fino a fine ottobre, ma non è noto quando sia iniziato. Non è stata violata, come in passato, la rete del Bundestag bensì gli account privati dei politici.

Contenuto esterno

Nel mirino degli hacker è rientrato anche il presidente Frank Walter Steinmeier. Al di fuori delle istituzioni, sono stati coinvolti due giornalisti satirici, dei reporter dei canali televisivi pubblici Ard e Zdf, l'attore Till Schweiger.

Da chiarire la matrice

Al caso, sul quale ha aperto un'inchiesta la procura di Francoforte, collaborano la polizia federale e i servizi interni. Per ora si sa solo che l'account Twitter bloccato venerdì, e chiamato "Security researching, Künstler, Satire und Ironie", aveva 4 anni di vita e 17'000 follower.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.