Navigation

L'Unicef fornisce generatori alle famiglie e agli ospedali

Contenuto esterno


Questo contenuto è stato pubblicato il 06 aprile 2019 - 21:33
tvsvizzera/ats/spal con RSI (TG del 6.4.2019)

Per sostenere la popolazione e le strutture sanitarie messe a dura prova dalla crisi politica ed economica in Venezuela è intervenuto anche l’Unicef.

Decine di migliaia di famiglie con bambini e molti ospedali riceveranno infatti dal Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia generatori per far fronte al problema dei ripetuti blackout elettrici, compresse per la depurazione dell'acqua e sali di reidratazione orale.

I generatori - precisa una nota - sono stati distribuiti in coordinamento con il Ministero del Potere Popolare per la Salute e Corposalud Táchira e andranno a beneficio di più di 24’000

bambini. I blackout stanno assottigliando la disponibilità di acqua potabile. Per aiutare la popolazione a sopperire alla mancanza di approvvigionamento idrico, l'Unicef, con altre organizzazioni tra cui Croce Rossa, Caritas, e Protezione Civile, ha già distribuito compresse per la depurazione dell'acqua a più di 12’000 famiglie e sali per la

reidratazione orale a 4’200 famiglie. Sono stati installati anche serbatoi d'acqua per garantire una fornitura sicura di acqua per i servizi pediatrici e materni in diversi ospedali.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.