Navigation

Consolato eritreo a Ginevra: aperta un'inchiesta penale

Denunciato perché preleverebbe una tassa del 2% ad ogni rifugiato che cerca un'altra vita nel nostro paese

Questo contenuto è stato pubblicato il 31 agosto 2015 - 20:41

Potrebbe trasformarsi in un vero e proprio scandalo: il consolato eritreo a Ginevra chiederebbe infatti ai profughi eritrei in Svizzera il 2% dei loro salari, una tassa estorta, secondo alcune testimonianze. E per questo è stata formalmente aperta un'inchiesta penale.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.