Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

Colonia, oltre 120 denunce ma nessun arresto

Un terzo delle vittime dichiara d'aver subito aggressioni sessuali, due terzi furti o ferimenti; Merkel non esclude espulsioni più rapide per reati gravi

In Germania, procede l'inchiesta di polizia sulle aggressioni nella notte di San Silvestro: le denunce sono salite a 121 e gli inquirenti hanno identificato 16 sospetti. Finora però nessuno è stato arrestato. La cancelliera Angela Merkel, intervenuta di nuovo giovedì, non esclude espulsioni più rapide per gli stranieri che si macchiano di reati gravi.

Le critiche nei confronti della polizia sono feroci. La Germania è ancora sotto shock per le aggressioni della notte di San Silvestro, e giovedì Angela Merkel si è detta convinta della necessità di un vero confronto sul tema dell'integrazione degli stranieri

"Quello che è accaduto nella notte di San Silvestro è completamente inaccettabile", ha dichiarato. "Dobbiamo chiederci se finora abbiamo fatto tutto il possibile in materia di espulsioni dalla Germania, per dare un chiaro segnale a chi non vuole rispettare le nostre leggi"

Intanto, emergono nuove testimonianze sui fatti di Colonia: "Ci hanno circondato, non potevamo scappare", racconta Hannah, una vittima. "Ci palpeggiavano. Penso che fosse una tattica per non farci capire che ci stavano derubando"

"C'erano sempre più persone in stato di agitazione alla stazione", ricorda Jan. "Una ragazza è scoppiata in lacrime. Era scioccata. È stata portata via dai suoi amici, e la polizia non ha fatto niente"

Le denunce sono ormai più di 120, un terzo per aggressioni sessuali, due terzi per furti o ferimenti. L'inchiesta procede però a rilento: "Finora abbiamo identificato 16 sospetti. Il lavoro è difficile perché dobbiamo analizzare diversi video e ascoltare molti testimoni", ammette Wolfgang Albers, comandante polizia di Colonia. "Per ottenere risultati rapidamente abbiamo aumentato il numero di agenti impegnati sul caso".

I sospetti sono in maggioranza di origini nordafricane. Ma, precisano le autorità, non ci sono elementi di un coinvolgimento di rifugiati.

×