Clima Le chiusure da Covid non piegano i livelli di CO2

Panorama artico con blocchi di ghiaccio che fluttuano sull acqua e, in primo piano, goccia di iceberg in scioglimento

I gas serra come l'anidride carbonica sono i responsabili del riscaldamento climatico.

Keystone / John Mcconnico

I livelli di anidride carbonica continuano a registrare valori record, nonostante le chiusure e i semi-confinamenti introdotti per contenere la pandemia di Covid. Lo rende noto lunedì l'Organizzazione meteorologica mondiale nel suo Bollettino annuale.

I dati dell'agenzia delle Nazioni Unite indicano che il lockdown ha sì ridotto le emissioni di molti inquinanti e di gas serra come l'anidride carbonica -che intrappolano il calore nell'atmosfera e sono responsabili del riscaldamento climatico- ma l'impatto sulle concentrazioni di CO2 non è superiore alle normali fluttuazioni abitualmente osservate.

Il programma di ricerca Global Carbon Project ha stimato che durante il periodo più intenso della chiusura le emissioni giornaliere potrebbero essere state ridotte fino al 17% a livello globale, afferma l'Omm in una nota. Ma poiché la durata e l'intensità delle misure di confinamento rimangono poco chiare, la previsione della riduzione annuale totale delle emissioni nel 2020 è più che incerta. Stime preliminari indicano una variazione tra -4,2% e -7,5%.

Troppo poco

Su scala globale, una riduzione delle emissioni di questa entità non farà comunque diminuire i livelli di CO2 nell'atmosfera, che continueranno a salire, anche se a un ritmo leggermente ridotto.

"L'anidride carbonica rimane nell'atmosfera per secoli"

Fine della citazione

L'Omm sottolinea inoltre che nel 2019 i livelli di anidride carbonica hanno visto un altro picco di crescita: la media globale annuale ha superato la soglia significativa di 410 parti per milione (ppm) e l'aumento è continuato nel 2020.

Appena cinque anni fa erano state superate le 400 ppm. "Un tale tasso di aumento non è mai stato visto nella storia dei nostri dati", spiega il segretario generale dell'Omm Petteri Taalas. "La riduzione delle emissioni correlata al lockdown è solo una piccola deviazione sul grafico a lungo termine".

Tempi lunghi

"L'anidride carbonica rimane nell'atmosfera per secoli e nell'oceano ancora più a lungo", chiarisce Taalas. "L'ultima volta che la Terra ha sperimentato una concentrazione comparabile di C02 è stato 3-5 milioni di anni fa, quando la temperatura era di 2-3 gradi più calda e il livello del mare era di 10-20 metri più alto di adesso. Ma non c'erano 7,7 miliardi di abitanti ".

La pandemia, insomma, non è una soluzione, ma offre una piattaforma per un'azione a favore del clima e "per ridurre le emissioni attraverso una trasformazione completa dei nostri sistemi industriali, energetici e di trasporto", aggiunge il segretario generale Omm. "I cambiamenti necessari sono economicamente accessibili e tecnicamente possibili e influenzerebbero solo marginalmente la nostra vita quotidiana. Non c'è tempo da perdere", conclude.

Desiderate ricevere ogni settimana una selezione di nostri articoli? Abbonatevi alla newsletter gratuita.


Parole chiave