Navigation

Sempre più incendi nella regione artica

Roghi numerosi e persistenti. Pierre Markuse / Sentinel 2 /Copernicus EU

Le immagini satellitari raccolte nelle ultime settimane dall'Agenzia spaziale europea ESA e dall'analogo ente statunitense NASA documentano un aumento degli incendi nell'area del circolo polare artico. Un fenomeno che gli scienziati riconducono all'incremento delle temperature in queste regioni: solo in Siberia, lo scorso giugno è stato di 10 gradi più caldo rispetto alla media 1981-2010.

Questo contenuto è stato pubblicato il 26 luglio 2019 - 21:10
tvsvizzera.it/ri con RSI (TG del 26.07.2019)

Tra Alaska, nord del Canada, Groenlandia e Siberia, sono più di 100 gli incendi fotografati dallo spazio tra giugno e luglio.

Si tratta di roghi persistenti: "Non brucia solo il bosco, dove le fiamme si esauriscono in uno o due giorni", spiega il glaciologo Konrad Steffen, "bensì il terreno sottostante, la torba, che può ardere anche per diverse settimane".

RSI-SWI

+ I dettagli sul sito del programma Copernicus [in inglese]Link esterno

Le conseguenze vanno ben oltre: gli incendi degli ultimi 50 giorni hanno liberato milioni di tonnellate di CO2, contribuendo a un ulteriore riscaldamento, e la fuliggine provoca un annerimento dei ghiacci del nord, che così assorbono i raggi solari e si sciolgono più rapidamente.

Contenuto esterno


Secondo un ricercatore, la coltre generata dai soli incendi siberiani si estende per oltre 4 milioni e mezzo di chilometri quadrati: una superficie grande quanto l'Unione europea.


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.