Navigation

Brexit, tutto dipende dai lavoratori dell'est

Il punto più delicato delle discussioni UE-GB è la questione dell’immigrazione. Il meccanismo che verrà offerto a Londra, sarà proposto anche alla Svizzera

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 febbraio 2016 - 20:59

Tra qualche giorno, probabilmente già domani, il presidente del Consiglio europeo Donald Tusk potrebbe rendere nota la bozza di un accordo con la Gran Bretagna che consenta al premier britannico David Cameron di battersi per mantenere il suo Paese nell'Unione europea, in un prossimo referendum. Tutto dipenderà dalle discussioni che i due stanno conducendo da ieri a Londra. Punto cruciale: un meccanismo per frenare l'accesso ai benefici sociali dei lavoratori dell'est Europa. E la questione rigurda da vicino anche la Svizzera.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.