Navigation

È scontro tra UE e Regno Unito sui vaccini

Il presidente del Consiglio europeo sostiene che l'UE sia titolata a bloccare l'esportazione di vaccini prodotti sul proprio territorio poiché il Regno Unito avrebbe fatto altrettanto. Afp Or Licensors

È scontro tra l'Unione Europea e il Regno Unito sui vaccini anti-Covid. Il governo britannico ha respinto come "completamente false" le affermazioni di martedì del presidente del Consiglio europeo Charles Michel, secondo il quale l'UE sarebbe titolata a bloccare l'esportazione dei vaccini prodotti sul proprio territorio poiché il Regno Unito avrebbe già fatto altrettanto.

Questo contenuto è stato pubblicato il 10 marzo 2021 - 12:50

Bugie, replica l'esecutivo di Boris Johnson in una lettera inviata dal ministro degli Esteri, Dominic Raab. Lo riferisce la BBC, secondo cui il Foreign Office ha inoltre convocato il rappresentante diplomatico dell'Unione Europea a Londra per "ulteriori discussioni" su quanto riferito da Michel nella sua nota informativa settimanale.

Intanto, niente Sputnik

Tutto questo accade mentre Bruxelles puntualizza per la seconda volta, attraverso un portavoce della Commissione europea, che il vaccino anti-Covid russo Sputnik V, attualmente al vaglio dell'Agenzia per i medicinali EMA e forse presto in produzione in uno stabilimento lombardo, non rientra nella strategia UE e non ci sono trattative affinché sia incluso nel portafogli vaccini comunitario.

"Non dovremmo lasciarci ingannare dalla Cina e dalla Russia, regimi con valori meno desiderabili dei nostri, che organizzano operazioni molto limitate ma ampiamente pubblicizzate per fornire vaccini ad altri", scriveva peraltro il presidente del Consiglio europeo Michel nella sua newsletter settimanale.

"Secondo i dati disponibili, questi Paesi hanno somministrato la metà delle dosi per 100 abitanti rispetto all'Unione europea. E l'Europa non utilizzerà i vaccini per scopi di propaganda. Promuoviamo i nostri valori", aggiunge Michel.

Contenuto esterno

Nel servizio RSI, le conseguenze del sistema di controllo sulle esportazioni introdotto dall'Unione Europea e la situazione sulle due sponde della Manica.

Contenuto esterno

tvsvizzera.it/ATS/ri con RSI (TG del 10.03.2021)

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

I commenti a questo articolo sono stati disattivati. Potete trovare una panoramica delle discussioni in corso con i nostri giornalisti qui.

Se volete iniziare una discussione su un argomento sollevato in questo articolo o volete segnalare errori fattuali, inviateci un'e-mail all'indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.