Navigation

Bangladesh, "poco è cambiato nel tessile"

A 3 anni dalla morte di oltre mille operai nel crollo d'un edificio, nonostante nuove regole, le condizioni di lavoro restano precarie

Questo contenuto è stato pubblicato il 20 agosto 2016 - 21:09

In Bangladesh, nell'aprile di tre anni fa, il crollo di una palazzina a Savar, nell'area di Dacca, provocò oltre mille morti tra gli operai dell'industria tessile, costretti a lavorare in condizioni terribili per i grandi marchi europei.

Tre anni dopo, il settore si è dato nuove regole, ma poco sembra essere cambiato. Solo un mese fa un bambino di soli dieci anni è stato ucciso perché aveva osato lamentarsi delle condizioni di lavoro. Reportage dalle concerie della capitale.

Ecco il volto di chi rende possibile la nostra moda a basso prezzo [cfr. video]: adolescenti, ma anche adulti, pagati troppo poco, 70 dollari al mese, in condizioni poco confortevoli, spesso pericolose, e senza un sindacato a rappresentarli. Questa è una fabbrica modello, solo per questo ci hanno lasciato filmare, ma a guardare bene, anche qui ci sono minorenni.

"Li assumono perché li pagano meno per fare lavori che gli adulti rifiutano", spiega la leader sindacale Kalpona Akter. "La tragedia del Rana Plaza ha creato momentum, ma è durato poco. Se andiamo a guardare adesso, siamo tornati indietro. I lavoratori sono licenziati, picchiati, discriminati se appena cercano di organizzarsi".

Non solo magliette. Il Bangladesh esporta un miliardo di dollari all'anno in pelli. Se dopo la tragedia del Rana Plaza il tessile si è dato una scrollata adottando regole più severe, qui è veramente il far west.

Porte chiuse. Ma fuori, due ragazzini confessano: hanno 12 anni e lavorano nelle concerie. Per 50 dollari al mese. Il lavoro è difficile, dice uno di loro. "Ma è il mio primo lavoro, non posso lamentarmi".

Pochi passi, e in un seminterrato troviamo volti non ancora adolescenti. Questo bambino ha 10 anni e incolla borse di pelle, a mani nude.

"La maggior parte dei pazienti", ci spiega Shirajum Munira Shaki di Medici senza frontiere, "riporta dermatiti da contatto e reazioni allergiche alle sostanze chimiche cui sono esposti nelle concerie. Ma anche ferite da taglio a causa dei macchinari. Sono pericolosi e gli indumenti di protezione che dovrebbero utilizzare, di fatto sono inesistenti".

Anche se le maggiori marche hanno sottoscritto l'accordo per proteggere i lavoratori, i controlli non arrivano fino ai fornitori di materie prime o semi lavorate.

"Per favore comperate i vestiti made in Bangladesh. Ma quando li comperate", raccomanda Kalpona Akter, "domandate alle marche, ‘voglio sapere di più sul lavoratore che ha fabbricato questi indumenti, per me'".

Secondo la sindacalista, boicottare sposterebbe semplicemente gli abusi altrove, deprivando il Bangladesh di risorse necessarie.

È più utile esporre queste situazioni, e cercare di rendere i consumatori più consapevoli.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.