Navigation

Aung San Suu Kyi alla conquista del Myanmar

Ha sacrificato tutta la sua vita, la sua libertà, la sua famiglia, per il suo paese. Forse basterebbe dire questo per capire la grande forza che si nasconde dentro questa esile donna

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 novembre 2015 - 20:42

Tutto è pronto a Yangon in Myanmar per un'elezione storica. C'è attesa, speranza, ma anche scettiscismo. Il partito di maggioranza, l'USDP spera di riconquistare il potere ricordando l'apertura politica che ha portato nel paese.

Al fine di contrastare l'opposizione di Aung San Su Kyi, l'USDP che è in buona parte composto da ex militari, punta sui candidati civili che fanno campagna porta a porta.

Aung San Suu Kyi, da parte sua, ha bisogno delle minoranze etniche per vincere. Nello stato Kachin, per esempio, ha cercato di diffondere un messaggio di unità agli elettori dubbiosi.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.