Navigation

Bomba a Mogadiscio, decine di morti

Un'esplosione in un quartiere particolarmente affollato di Mogadiscio ha ucciso almeno 90 persone sabato mattina, secondo un'organizzazione internazionale presente sul posto. L'attentato, il più sanguinoso da anni nel paese, è stato rivendicato di Al Shabab, formazione jihadista legata ad Al-Qaida.

Questo contenuto è stato pubblicato il 28 dicembre 2019 - 13:47
tvsvizzera.it/Zz/ats con RSI (TG del 28.12.2019)
Forze di sicurezza sul luogo dell'attentato. Keystone / Said Yusuf Warsame

Tra le vittime si contano molti studenti e anche due cittadini turchi. Un'organizzazione internazionale che non ha voluto essere identificata ha fatto stato di 90 morti, così come un deputato somalo in un tweet. Tra i deceduti ci sarebbero anche 17 poliziotti.È l'attentato più grave avvenuto nel paese dal 2017, quando un camion riempito di esplosivo era saltato in aria vicino a una cisterna di carburante provocando 600 morti. 

L'attacco di sabato è stato rivendicato dall'organizzazione integralista Al Shabaab, cellula somala di Al Qaida dal 2012, riferisce la Cnn.

Dal 2006, il gruppo terroristico islamico ha compiuto ripetuti attacchi nella capitale somala uccidendo operatori umanitari internazionali, giornalisti, leader civili e operatori di pace e colpendo il governo e obiettivi militari.

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Partecipa alla discussione!

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.