Navigation

Amnesty, più condanne a morte ma meno esecuzioni

La Cina continua a essere il paese in cui viene inflitto il maggior numero di pene capitali

Questo contenuto è stato pubblicato il 01 aprile 2015

Aumentano le condanne a morte ma calano le esecuzioni, secondo quanto riferisce il rapporto annuale di Amnesty International. L'associazione attiva nel campo dei diritti umani denuncia la pratica di molti governi che utilizzano lo strumento del supplizio capitale per contrastare reali o presunte minacce alla sicurezza collegate al terrorismo. Amnesty International ribadisce inoltre che non esiste prova del fatto che la pena capitale costituisca un deterrente nella lotta al crimine.

Partecipa alla discussione!

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?

   Notiziario
Non è stato possibile registrare l'abbonamento. Si prega di riprovare.
Hai quasi finito… Dobbiamo verificare il tuo indirizzo e-mail. Per completare la sottoscrizione, apri il link indicato nell'e-mail che ti è appena stata inviata.

Scoprite ogni settimana i nostri servizi più interessanti.

Iscrivitevi ora per ricevere gratuitamente i nostri migliori articoli nella vostra casella di posta elettronica.

La dichiarazione della SRG sulla protezione dei dati fornisce ulteriori informazioni sul trattamento dei dati.