Navigazione

Saltare la navigazione

Sotto-siti

Funzionalità principali

"L'Italia non registra i rifugiati"



Un Mare Nostrum che trabocca fuori dall'Italia

Un Mare Nostrum che trabocca fuori dall'Italia

(Keystone)

Duro attacco di un ministro bavarese a Roma, accusata di ignorare volutamente le leggi europee

La questione rifugiati complica sempre più i rapporti tra l'Italia e l'Europa.

Dopo il no dell'Unione alla richiesta di aiuto italiana nella gestione della problematica dei rifugiati e di mare nostrum, ora è un miinistro di un land tedesco a lanciare accuse gravi a Roma.



Joachim Herrmann

Joachim Herrmann

(tvsvizzera)

Saltando la procedura di identificazione, secondo Hermann, Roma evita che i rifugiati sbarcati sulle coste italiane possano essere rimandati in Italia se identificati in un altro Paese dell'Unione.

''L'Italia –ha affermato il ministro bavarese alla Dpa- in molti casi intenzionalmente non prende dati personali e impronte digitali dei rifugiati per permettergli di chiedere asilo in un altro Paese''.

Ripetutamente, negli ultimi mesi, la polizia bavarese e quella austriaca hanno reso noti casi di rifugiati fermati mentre tentavano di entrare nei rispettivi Paesi senza i documenti necessari. Il governo bavarese giovedì ha registrato un nuovo record: 319 richieste d'asilo in un giorno solo.

''Uno dei motivi - ha continuato Hermann - è che una parte considerevole dei rifugiati che arrivano in Italia si mettono in viaggio verso la Germania senza essere passati per il previsto procedimento'' di identificazione.

I dati

L'ultimo dato fornito dal CIRLink esterno (Consiglio italiano per i rifugiati, fa stato di 15'715 richieste d'asilo presentate in Italia nel 2012, e 77.500 in Germania. In SvizzeraLink esterno nello stesso anno le richieste sono state 28'600.

subscription form

Abbonamento alla newsletter

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

×