"Informazioni fuorvianti" Twitter interviene sui messaggi di Trump

Duro scontro tra Twitter e il presidente statunitense Donald Trump, utente quotidiano della piattaforma, suo canale di comunicazione prediletto dove conta ormai 80 milioni di seguaci. Il social network ha, per la prima volta, contrassegnato due suoi messaggi con l'avviso "verificare i fatti". Il capo della Casa Bianca la giudica un'interferenza nelle presidenziali 2020.

Donald Trump parla dal pulpito presidenziale nel giardino della Casa Bianca; fa un gesto distensivo

Ha già parlato di "interferenza di Twitter nelle presidenziali 2020".

Copyright 2020 The Associated Press. All Rights Reserved

Nei due tweet,Link esterno Trump evoca il rischio di frode elettorale dopo che il governatore della California Gavin Newsom e altri suoi colleghi democratici hanno introdotto il voto per corrispondenza o ne stanno valutando la possibilità, per contenere l'epidemia di Covid-19.

Tali messaggi "contengono informazioni potenzialmente fuorvianti sui processi di voto e sono stati contrassegnati per fornire un contesto aggiuntivo", ha confermato un portavoce della società di San Francisco. Nella fattispecie, vi è stato aggiunto un punto esclamativo e la scritta 'Get the facts about mail-in ballots' (ovvero "ottieni informazioni verificate a proposito del voto per posta").

Il link porta a una paginaLink esterno in cui si spiega che le dichiarazioni del presidente sono prive di fondamento, secondo la Cnn, il Washington Post e altri media.

La reazione

"Twitter sta interferendo nelle elezioni presidenziali 2020", ha commentato Trump attraverso la stessa piattaforma. 

"Stanno dicendo che la mia dichiarazione sul voto per corrispondenza, che porterà ad una massiccia corruzione e alla frode, non è corretta, basandosi sul fact-checking delle Fake News Cnn e del Washington Post", ha twittato. "Twitter sta completamente sopprimendo la libertà di parola ed io, come presidente, non consentirò che accada!", ha aggiunto. 



Cambio di politica? 

Poche ore prima, il social network si era rifiutato di cancellare i tweet nei quali Donald Trump rilanciava una teoria cospirativa, secondo cui l'ex deputato e attuale conduttore televisivo Joe Scarborough, suo acerrimo nemico, potrebbe avere un ruolo nella morte di una ex collaboratrice parlamentare, avvenuta nel 2001. la richiesta di rimuovere i messaggi era stata avanzata dal vedovo della donna.

Desiderate ricevere ogni settimana una selezione di nostri articoli? Abbonatevi alla newsletter gratuita.

In generale, a chi la accusava di non mettere un argine alle notizie false o alle affermazioni fuorvianti, Twitter aveva sempre risposto sostenendo di non poter rimuovere o censurare i leader politici perché l'opinione pubblica ha il diritto di conoscere e valutare ogni loro dichiarazione.

Ma verosimilmente la compagnia, incalzata da più parti, sta ora aggiustando il tiro.

Parole chiave