La televisione svizzera per l’Italia

Il presidente Mattarella invita l’Italia a essere unita contro il fascismo

Il presidente italiano Sergio Mattarella si inchina davanti all'Altare della Patria nel anniversario della Liberazione dal nazifascismo.
Il presidente italiano Sergio Mattarella si inchina davanti all'Altare della Patria nel anniversario della Liberazione dal nazifascismo. Keystone

L'Italia festeggia oggi, 25 aprile, la Liberazione dal nazifascismo e quest'anno lo fa in mezzo alle polemiche.

Dopo giorni di polemiche, la giornata dedicata a ricordare la Liberazione dell’Italia dal nazifascismo si è aperta con un’immagine di unità. Le massime cariche dello Stato, come ogni 25 aprile, si sono riunite a Roma all’Altare della patria.

Contenuto esterno

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, la premier Giorgia Meloni, il presidente del Senato Ignazio La Russa, il ministro della Difesa Guido Crosetto e altri ancora hanno tutti celebrato la giornata con solennità.

Le vittime di Civitella in Val di Chiana

Il capo di Stato è poi volato in Toscana, per ricordare una delle tante ferite causate dal fascismo e dal patto tra Mussolini e Hitler. A Civitella in Val di Chiana, nel giugno del 1944, i nazifascisti uccisero infatti 244 persone.

Si trattò di eccidi pianificati a freddo, ha ricordato Mattarella esaltando i valori della lotta partigiana e invitando gli italiani e le italiani a essere uniti contro il fascismo.

“A differenza dei loro nemici, imbevuti del culto della morte e della guerra – ha detto Mattarella a Civitella in Val di Chiana -, i patrioti della resistenza fecero uso delle armi perché un giorno esse tacessero, e il mondo fosse finalmente contrassegnato da pace, libertà e giustizia. Viva la Liberazione, viva la libertà, viva la Repubblica!”.

Il caso Scurati

Su questo 25 aprile aleggia però la polemica legata al caso Antonio Scurati. L’intellettuale e biografo di Mussolini avrebbe infatti dovuto leggere un monologo in tv ma è stato censurato.

Una decisione della dirigenza RAI che ha avuto un effetto boomerang dal momento che, del testo, si è così parlato più di quanto sarebbe successo altrimenti.

Definirsi antifascisti

“La parola (antifascista, ndr.) che la presidente del Consiglio si è rifiutata e si rifiuta ancora di pronunciare palpita sulle labbra riconoscenti di tutti i sinceri democratici. Siano essi di sinistra, di destra o di centro”, ha detto Scurati leggendo oggi in piazza il proprio discorso.

La premier Meloni – criticata proprio nel testo dello scrittore – ha dal canto suo pubblicato un post sui social in cui non parla di antifascismo ma dice: “La Liberazione, con la fine del fascismo pose le basi per il ritorno della democrazia”.

Anche altre proteste

Centinaia, migliaia le manifestazioni in Italia, per celebrare la Liberazione. E nelle piazze più grandi come Roma e Milano, c’è chi ha sfruttato il palcoscenico per tutt’altra protesta.

Associando la resistenza partigiana di ieri a quella palestinese di oggi, alcuni gruppi hanno contestato le brigate ebraiche, forse senza sapere che anche loro 80 anni fa si batterono per la democrazia in Italia.

Proteste, controfesteggiamenti e vandalismi

Non sono mancati nemmeno i cosiddetti nostalgici. A Varese, membri del gruppo neonazista Dodici Raggi (Do.Ra) hanno colto l’occasione del 25 aprile per rendere omaggio “ai camerata uccisi dal nemico mentre combattevano per la patria” come ha spiegato il loro leader Alessandro Limido.

Di prima mattina, i militanti si sono recati al cimitero di Ganna e poi hanno raggiunto quello di Sant’Ambrogio a Varese dove ad attenderli c’era il familiare di un “camerata ucciso dai comunisti senza processo”. “Questi ragazzi sono morti per noi, per i nostri valori. I nostri caduti sono gli eroi della patria. Per proteggerci hanno accettato il loro olocausto” ha aggiunto Limido.

Immediata è arrivata la reazione del Comune di Varese che denuncerà i militanti per “inosservanza dei provvedimenti amministrativi oltre che per altri eventuali reati”.

A Roma, invece, la scritta con vernice rossa “Partigiano
stupratore assassino” è comparsa oggi sulla lapide di Forte Bravetta, uno dei 15 forti di Roma.

A Torino, nella notte, i militanti del movimento di estrema
destra La Barriera hanno appeso uno striscione con la frase:
”25 aprile: ricorda i crimini dei partigiani’, spiegando poi in
una nota che i partigiani “si macchiarono di numerosissimi
infami crimini e violenze, molti dei quali avvenuti contro donne
e civili, a guerra terminata. Soprattutto nella nostra città”.

Un’altra “incursione” neofascista è stata compiuta infine a
Taranto, dove il cippo del partigiano Pietro Pandiani, eroe
della Resistenza, medaglia d’argento al valor militare, è stato
sfregiato con una croce celtica impressa con vernice nera
proprio sulla parola “partigiano”.

Attualità

Klaus Schwab durante l'ultimo WEF.

Altri sviluppi

Klaus Schwab lascia la presidenza esecutiva del WEF di Davos

Questo contenuto è stato pubblicato al Klaus Schwab, fondatore del Forum economico mondiale di Davos (WEF) lascia la sua carica di presidente esecutivo. L'86enne lo ha annunciato martedì in una mail allo staff.

Di più Klaus Schwab lascia la presidenza esecutiva del WEF di Davos
Il monte Fuji e in primo piano il supermercato della catena nipponica.

Altri sviluppi

Il Monte Fuji e la lotta al turismo giornaliero

Questo contenuto è stato pubblicato al Una cittadina presa d'assalto per la sua vista sul Monte Fuji non ha optato per una tassa ma a pensato a qualcosa di parecchio diverso.

Di più Il Monte Fuji e la lotta al turismo giornaliero
Un'immagine virtuale di un robot.

Altri sviluppi

Dall’UE la prima legge al mondo che regola l’intelligenza artificiale

Questo contenuto è stato pubblicato al Il Consiglio dell'Unione europea ha dato il via libera all'AI Act, ovvero alla legge europea sull'intelligenza artificiale che disciplina lo sviluppo, l'immissione sul mercato e l'uso dei sistemi di intelligenza artificiale nell'UE

Di più Dall’UE la prima legge al mondo che regola l’intelligenza artificiale
L'aula della CEDU.

Altri sviluppi

La Commissione degli affari giuridici critica la decisione della CEDU

Questo contenuto è stato pubblicato al Per la Commissione degli affari giuridici del Consiglio degli Stati, non vi è motivo di dare seguito alla sentenza della Corte europea dei diritti dell'Uomo contro la Svizzera per violazione dei diritti umani in ambito ambientale.

Di più La Commissione degli affari giuridici critica la decisione della CEDU
L'etichetta colorata di Nutri-Score.

Altri sviluppi

Migros rinuncia alle etichette Nutri-Score

Questo contenuto è stato pubblicato al La decisione del numero uno svizzero del commercio al dettaglio è stata fortemente criticata dalla Fondazione per la protezione dei consumatori.

Di più Migros rinuncia alle etichette Nutri-Score
Il premier Benjamin Netanyahu (sinistra) e il ministro della difesa Yoav Gallant.

Altri sviluppi

Gaza, Israele rigetta le accuse dell’Aia

Questo contenuto è stato pubblicato al Tutti i partiti israeliani difendono il premier Netanyahu e il ministro della difesa Gallant, accusati di crimini di guerra e contro l’umanità dal procuratore capo della Corte penale internazionale dell'Aia.

Di più Gaza, Israele rigetta le accuse dell’Aia

In conformità con gli standard di JTI

Altri sviluppi: SWI swissinfo.ch certificato dalla Journalism Trust Initiative

Se volete segnalare errori fattuali, inviateci un’e-mail all’indirizzo tvsvizzera@swissinfo.ch.

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR

SWI swissinfo.ch - succursale della Società svizzera di radiotelevisione SRG SSR