Navigation

Per le mafie non esiste crisi coronavirus

In Italia, il dibattito attorno al decreto col quale il governo inietta liquidità a sostegno delle imprese in difficoltà ha consentito di riflettere tra l'altro sul possibile vantaggio che la criminalità organizzata potrebbe trarre dalla crisi innescata dall'epidemia di coronavirus, specie nel caso di un intervento tardivo dello Stato. La RSI ne ha parlato con due esperti.

Questo contenuto è stato pubblicato il 07 aprile 2020 - 11:40
tvsvizzera.it/ri con RSI (TG del 06.04.2020)
Contenuto esterno

Con i loro immensi capitali, le mafie non sono affatto in difficoltà ed è anzi in periodi come questo che rischiano di infiltrarsi ancor di più nel tessuto economico e sociale.

Anche sugli aiuti ai più bisognosi, raccomanda Nicaso, "l'attenzione va tenuta alta da subito" RSI-SWI

Persone che "lavoravano senza contratto formale e oggi non possono godere di ammortizzatori sociali" o aiuti, osserva il magistrato antimafia Roberto Tartaglia, "costituiscono il tipico bacino possibile" di manodopera per le attività illecite.

La criminalità organizzata può contare inoltre sui capitali, l'estensione -le mafie sono ormai multinazionali- e una lotta al riciclaggio non sempre efficace. Anzi.

"Quel che riscontriamo nel mondo", osserva il saggista esperto Antonio Nicaso, "è la facilità con cui il denaro della droga entra nell'economia legale".

Tartaglia invita anche alla prudenza: non ripartire a qualunque costo, "ma con un'economia sana". 

Anche perché gli investimenti pubblici e i relativi appalti sono essi stessi terreno di possibili infiltrazioni. L'attenzione, a ben vedere, "deve partire da subito", conclude Nicaso. Ad esempio "i soldi messi a disposizione per i bisognosi devono essere filtrati da un'analisi investigativa per evitare che finiscano nelle mani sbagliate".

"Così come domani si dovrà stare attenti" a che le mafie non traggano vantaggio "dalla ricostruzione". 

Contenuto esterno


Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: tvsvizzera@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.